Juventus-Roma 1-0: non avete pietà di noi

di Fabio Giambò |

La Vecchia Signora vince contro la Roma, decide un’inzuccata di Mandzukic, ma ancora una volta le coronarie dei tifosi della Juventus vengono messe a dura prova: si può andare avanti così sempre e comunque? No, non è corretto, anche se poi si vince. O forse si, l’importante è portare a casa i tre punti: scusate la confusione, Massa ha appena fischiato, c’è ancora una buona dose di nervosismo a muovere le dita durante la scrittura di questo pezzo. A proposito di Massa, arbitri pro-Juve, VAR a comando e altre baggianate varie, qualcuno, magari più a freddo, ci spieghi come ha fatto il buon Nzonzi a concludere senza il rosso questa partita, e soprattutto ci spieghi perché nel primo tempo è vantaggio concretizzato quando Ronaldo tira alto dopo fallo su Dybala, mentre non lo è quando Zaniolo, toccato da Matuidi, dopo qualche secondo sbaglia il tocco che poi Ronaldo e Douglas Costa hanno trasformato in 2-0. Lasciamo stare le polemiche, siamo a Natale.

Per lo meno le polemiche di questa natura, perché poi c’è da tirare le orecchie a questa Juventus tanto bella nel primo tempo, concluso SOLAMENTE 1-0, tanto in difficoltà nella ripresa pur senza concedere particolari occasioni ai capitolini. Chiudere una serata del genere con l’acqua alla gola lascia un po’ d’amaro in bocca, sembra incredibile quando Ronaldo ripetutamente spreca a due passi da Olsen, si fatica a capire anche cosa venga fischiato quando il portiere avversario smanaccia nella propria porta, ma abbiamo detto che è meglio evitare questo tipo di polemiche. Allora tiratina d’orecchie, dopo quella fra le righe a CR7, la dedichiamo al mister: Dybala a 40 metri dalla porta diventa uno qualunque, diventa una squadra qualunque una squadra che gestisce rischiando e non chiudendo. Aspettiamo il solito marzo? Se stavolta ne varrà la pena, andrà bene così: vedremo.

Chiusura dedicata a Davide Santon: sta diventando uno di noi! Ve lo ricordate a San Siro a maggio scorso? Oggi ha replicato all’Allianz sul gol di Mandzukic: salta con noi, Daviduccio, il cielo è bianconero sopra Torino.