La Juventus apre al futsal! Ecco il quintetto ideale

di Juventibus |

La Juventus brucia sempre le tappe: primo stadio di proprietà in Italia, prima (con la Fiorentina) selezione femminile, prima ad avere una seconda squadra e ora prima del FUTSAL!

I bianconeri hanno ingaggiato il CT della Nazionale di calcio a 5 Alessio Musti in qualità di consulente. Secondo Tiroliberoweb.it, sito dedicato al mondo del “calcetto”, Musti sarà docente per il progetto “Juventus Stadium – ore 15 tutti in formazione“, per approfondire la gestione tecnica e psicologica di un team. Potrebbe quindi essere il primo passo Juve nel mondo Futsal, magari con qualche selezione giovanile.

E se fosse la prima squadra a entrare nel (piccolo) campo? Quale sarebbe il quintetto bianconero più efficace?

PORTIERE

Nel futsal gli spazi sono stretti, tutti devono essere a proprio agio col pallone tra i piedi. Ora, vogliamo tutti bene a Gigi, il miglior portiere della storia bianconera, ma non lo ricordiamo certo come un grandissimo palleggiatore. Eì molto migliorato, ma qualche gaffe palla al piede l’ha combinata (qualcuno ha detto Juventus-Lecce?). In mancanza di indizi sufficienti sulle prestazioni tra i pali del nostro Pinsoglio, la scelta ricade su Wojciech Szczęsny. Alto, robusto, affidabile: sarà lui a proteggere la nostra “mini” porta 3×2.

DIFENSORE

Il fulcro del gioco è il difensore, che a 5 veste i panni sia di stopper che di regista: Leonardo Bonucci. Nelle gare in cui Pjanic è schermato è lui che  fa partire l’azione con scambi corti o lanci lunghi. Piede preciso e tanta personalità (c’è chi dice “troppa”), renderebbe agile la circolazione e in difesa non si tira mai indietro. Leo non è male nemmeno come tiratore: dato importante visto che il centrale spesso ha spazio per tentare la conclusione.

ESTERNI

Il futsal non prevede dei veri e propri “centrocampisti”, ci si dispone a rombo e servono due esterni (o “intermedi”) tecnici e bravi nella doppia fase. A sinistra Alex Sandro, bravo a puntare e doti muscolari unite a ottima fase di non possesso. A sinistra scelta difficile, se la priorità è avere tecnica e rapidità in una Juve a 5 non dovrebbe mai mancare Douglas Costa. Tuttavia nel calcetto non si gioca a piede invertito per valorizzare i cross bassi e tesi, inoltre per una questione di equilibrio serve chi sappia saltare l’avversario ma anche difendere: Juan Cuadrado. Agilissimo sulla linea laterale, potrebbe portare spesso il pallone sul fondo creando pericoli. Inoltre, la “cura Barzagli” lo sta trasformando in un terzino attento all’uomo e alle diagonali. Sandro e Cuadrado e la “Futsal Juventus” sarebbe imprevedibile.

PIVOT

Qualsiasi manovra d’attacco, nel futsal, passa per i piedi dell’attaccante, detto “pivot”. Piedi veloci, capacità di smistare verso gli intermedi e forza fisica per temporeggiare e farsi fare fallo (al 5° fallo scatta il tiro libero). Per quanto a tutti noi piacerebbe avere Cristiano Ronaldo in squadra, il ruolo sembra cucito per Gonzalo Higuaín. El Pipita detterebbe i tempi e si farebbe trovare in area di rigore. Non è il più veloce, ma non è una dote richiesta: il pivot si muove in un fazzoletto di circa 5 metri, conta il senso del gol e Pipa ce l’ha ancora.

Ecco la futsal Juventus:

SCZESNY

CUADRADO BONUCCI SANDRO

HIGUAIN

Non male!

Se la Juve sarà la pioniera della rivoluzione futal sceglierebbe giocatori professionisti, ma la rosa attuale è così profonda e duttile da poter ipotizzare anche un’altra squadra con Buffon, Chiellini, Douglas, Dybala e CR7, che per ora ci “accontentiamo” di tenere per il calcio a 11, dove le scelte sono meno dolorose e c’è bisogno davvero di tutti.

di Massimiliano Cassano