Affare Chiesa, un’occasione irripetibile

di Manuel Panza |

Manca ormai meno di una settimana alla fine del calciomercato ma non sembrerebbero essere finite le novità in casa Juventus. Dopo il tormentone attaccante la società si è da subito messa al lavoro per provare a portare a Torino anche Federico Chiesa.

In tanti sono dubbiosi sulla scelta di chiudere il mercato con un esterno anziché un centrocampista, ma alla base di questa decisione ci sarebbe un’occasione irripetibile, così come rivelato da Luca Momblano durante Casa Juventibus. Di seguito sono riportate le sue parole.

Da quel che ho saputo il riscatto dovrebbe essere fissato tra due anni e potrebbe essere pagato anche in più soluzioni. La Juventus aveva un forte accordo con Chiesa già l’estate scorsa, era stato scelto da Paratici ed era il colpo programmato per sostituire Dybala dopo l’acquisizione di Lukaku in quel famoso scambio”.

La spesa dunque dovrebbe essere dilazionata in più anni e per un talento classe 1997 potrebbe essere sicuramente un aspetto importante. “Le condizioni che si aprono con Chiesa non sono semplici dopo aver preso un impegno con Morata, ma è una situazione irripetibile, dice Momblano. Il motivo? Il calciatore arriva dalla peggior stagione da quando è titolare e quindi non ha più un costo eccessivo, ma non sembra stia messo così male per quanto abbiamo visto sabato con l’Inter.

Si parla di un affare fattibile solo dopo eventuali uscite, ma in realtà non sarebbe da escludere la possibilità che la trattativa vada in porto a prescindere da tutto: “La Juventus vuole fare uno sforzo per prendere da subito Chiesa. La sua situazione non è subordinata a quella delle cessioni, anche se ovviamente le discussioni per le uscite vanno avanti”.

E a proposito di addii, al momento sono tre i calciatori più discussi: Khedira, Rugani e Douglas Costa. Il brasiliano avrebbe in mente solo il Manchester United tra le squadre che lo hanno cercato anche se prima di tutto vorrebbe restare alla Juventus. Il tedesco sembra ormai fuori e presto potrebbe risolversi tutto mentre per Rugani il Valencia ha proposto solo un trasferimento in prestito, senza diritto di riscatto. Un’offerta irrisoria che non è stata accettata dalla società.