Juventus-Bayer Leverkusen 3-0: la strada maestra

di Fabio Giambò |

tottenham

Vincere non è importante, è l’unica cosa che conta, lo sappiamo a memoria, ma quando si vince come fatto stasera col Bayer Leverkusen, in maniera convincente, ti resta dentro quella sensazione che si sta seguendo uno spartito che è esattamente quello deciso dal direttore d’orchestra: guai a sentirsi arrivati, guai a pensare che questa squadra abbia mostrato il suo potenziale, non siamo arrivati ancora neanche alla prima curva del circuito, si parla appunto di sensazioni.

Mister Sarri stasera, fra conferme quasi totali ed una sorpresa che risponde al nome di Federico Bernardeschi, ha deciso di giocarsela con calma e possesso, ove possibile, per responsabilizzare ancora di più quel Miralem Pjanic che sta diventando più che un centro di gravità per questa squadra: qualunque palla giocata dai compagni deve passare da lui se non in casi eccezionali, e i compagni lo fanno senza problemi anche in condizioni difficili. C’è quel solito giochino del modulo che ci porteremo avanti per tanto tempo, a maggior ragione per ora che Douglas Costa è ai box, l’unico che potrebbe far saltare il banco del 4-3-1-2 oggi: Bernardeschi e Ramsey sulla trequarti hanno fatto capire di sentirsi più ad agio rispetto a quando mettono piedi vicina alla linea laterale, ed anche Dybala nella fase finale ha saputo dare un senso a quel fazzoletto di terreno fornendo a Ronaldo un assist al bacio trasformato da CR7 nel 3-0.

A proposito di Ronaldo, non è un periodo meraviglioso per il portoghese in termini di percentuale di realizzazione, ma il cartellino l’ha comunque timbrato, e l’importante è questo. Se riuscisse a mettere da parte quel briciolo di nervosismo che fa fatica a nascondere, significherebbe aver ritrovato continuità a 360 gradi, un valore ulteriormente aggiunto più che una ciliegina sulla torta. Una torta che oggi assomiglia molto a Gonzalo Higuain: attaccante di manovra, seppur riduttiva come definizione, un gol ed un assist, altre giocate di spessore. Poco da rimproverargli, forse nulla. Discorso simile a Cuadrado: prende un giallo evitabile, ma, signore e signori, prestazione esclamativa del colombiano, che si spera possa continuare con questa intensità ed in questo ruolo. Sarebbe una crescita fondamentale anche per il cantiere Sarri.