3 punti, 3 gol in un tempo, 3 attaccanti straordinari

di Leonardo Dorini |

Sarri aveva fatto capire che potevano “crearsi le condizioni” per il tridente Dybala-Ronaldo-Higuain, ed eccolo schierato oggi nella partita interna contro l’Udinese: scelta coraggiosa che non ha deluso le aspettative dei tifosi.

Difesa per tre quarti uguale a quella di Leverkusen, con il rientro di Bonucci e la conferma di Demiral, chiamato a far dimenticare in campionato la prestazione col Verona: promosso! Anche il centrocampo è atipico, con un rientrante Bentancour (meno male!!) perno basso, e Rabiot mezz’ala destra con Matuidi al centro-sinistra.

La Juve parte forte, grande movimento dei 3 davanti che danno pochi riferimenti ai difensori avversari; all’ottavo minuto è subito vantaggio: lancio lungo di Bonucci, Dybala addomestica il pallone al limite dell’area e appoggia verso l’accorrente CR7, tiro teso, per nulla banale, all’angolo a sinistra di Musso.

Non ci sono pause, la Juve continua a manovrare e ad avvicinarsi al portiere avversario, impegnato alcune altre volte; l’Udinese si affaccia all’area bianconera intorno al 25’, ma Buffon non corre alcun pericolo, e, soprattutto, gli uomini di Sarri colgono l’occasione per ripartire un paio di volte in contropiede.

Al 37mo CR7 raddoppia: servito con un filtrante da Higuain (in posizione di trequartista) il portoghese lascia partire un fendente basso, stavolta alla destra di Musso: 2-0. Il primo tempo si chiude sul 3-0 grazie al gol di Bonucci su un calcio d’angolo ottenuto grazie a un’azione solitaria di Gonzalo Higuain in area.

La ripresa rivede una Juve in manovra, con un lob di Dybala sulla traversa dopo uno scambio CR7-Higuain-Dybala, mentre al 54mo c’è la prima parata di Buffon su Lasagna; la Juve lascia giocare un po’ troppo ma quando riprende il pallino il tasso tecnico là davanti si fa vedere eccome: le tre punte sono sempre in movimento a creare spazi importanti a centro area, spesso Gonzalo Higuain è dietro agli altri due e Ronaldo è più spesso in posizione centrale (come nei due gol).

Sostituzioni: dentro Bernardeschi per Dybala, de Ligt per Bonucci (che ha preso un colpo), Douglas Costa per Higuain. Juve ancora pericolosa con Cristiano Ronaldo, che prende un palo e costringe Musso ad un intervento miracoloso.

Al 94′ il gol dell’Udinese, tutto sommato meritato, nel quadro di un match dove la Juve ha prodotto moltissimo, chiudendo la partita nel primo tempo, ma ha subito troppo nella ripresa.

Ottime indicazioni davvero da questo match, con buone prestazioni individuali di tutti i giocatori: il centrocampo ha dimostrato di saper supportare correttamente il tridente offensivo, che ha fatto stravedere per lo strabordante tasso tecnico dei protagonisti.

C’è grande curiosità per le prossime gare, ma intanto prendiamo questi 3 punti, 3 gol in un tempo, 3 attaccanti straordinari.