Juve – Spal: gli allievi ripagano la fiducia del Maestro

di Valerio Vitali |

In questo Juve – Spal dove vanno a segno un classe 1999, un 1997 e un 2000, i giovani di mister Pirlo non hanno affatto sfigurato. Partendo da chi la prima squadra l’ha testata con mano già una decina di volte (Frabotta) fino a Fagioli che era al suo esordio dal primo minuto. Per capire la bontà della prestazione collettiva di tutta la compagine juventina questa sera, basti pensare al particolare record del terzino sinistro romano. Come evidenziato da ‘Opta Paolo’ infatti, Frabotta è il secondo italiano in termini di giovane età ad essere andato in rete con la casacca bianconera.

 

 

Di questo Juve – Spal di Coppa Italia bisogna evidenziare non solo le buone prove individuali e complessiva di squadra, ma anche l’atteggiamento propositivo. Tanti i palloni recuperati nella metà campo avversaria, perlomeno fino a quando il ritmo della gara è stato elevato. L’aspetto mentale stasera è stato decisamente diverso rispetto a quello visto contro il Genoa ad esempio. I ferraresi, non meno volenterosi e portentosi in fase di pressing, hanno peccato in qualche occasione sciupata di troppo ma al tempo stesso hanno dimostrato di poter dar “fastidio” a più di qualche club della massima categoria.

 

Categoria che invece non ha dimostrato di meritare è stato l’arbitro Pezzuto. Il fischietto ha avuto bisogno dell’intervento del VAR per concedere un rigore solare alla Juventus. Quel cartellino giallo per simulazione a Rabiot (poi giustamente tolto) resta forse il più grande mistero di questa gara. Mistero come la prestazione offerta da un Ramsey opaco (appena sceso in campo contro il Bologna). Non si puo’ dire lo stesso di un de Ligt, del quale tutti siamo ansiosi di vederlo in tandem con capitan Chiellini.

Parlando di capitani e di bandiere non si puo’ non menzionare Gigi Buffon. Domani ‘Superman’ compirà 43 anni e lo ha fatto nella miglior maniera possibile, non subendo reti. Lui e lo zoccolo duro di questa squadra sono il ‘trait d’union’ di questa nuova Juventus che sta prendendo forma. Tra i giovanissimi dell’Under 23 e della prima squadra. Allievi di un Maestro che sta dimostrando pian piano di meritarsi questa panchina.