Spuntata e confusa: la Juve “si scansa”, è 1-2 per il Sassuolo

di Mauro Bortone |

Dybala

Spuntata e confusa, la Juventus “si scansa” col Sassuolo ed esce sconfitta dallo Stadium, perdendo 1-2 con un gol preso in contropiede all’ultimo minuto di recupero. Una sconfitta che oltre a interrompere la striscia positiva della Juve, di fatto, sembra avere il sapore di resa in campionato per l’obiettivo più ambizioso, ovvero lo scudetto: e, a fine ottobre, essere già a meno 13 dalla vetta non era neanche ipotizzabile nelle peggiori previsioni.

Allegri, alle 200 partite sulla panchina della Juve, presenta qualche novità schierando Perin, De Sciglio e Rabiot, reduce dal Covid, e lasciando fuori Arthur. Questa la formazione: Perin; Danilo, Bonucci, De Ligt, De Sciglio; Chiesa, McKennie, Locatelli, Rabiot; Dybala, Morata. Dionisi dispone il Sasssuolo con Consigli; Muldur, Ayhan, Ferrari, Rogerio; Frattesi, Lopez; Berardi, Raspadori, Traore; Defrel.

La Juve parte forte prima con una punizione dalla destra di Chiesa che pesca in area Bonucci che calcia fuori e poi con Morata pescato tra le linee, che gigioneggia col pallone finché non viene recuperato: entrambe le azioni, però, erano in fuorigioco. Al 4’ McKennie in area serve Morata sulla destra, la palla arriva larga a Chiesa: il Sassuolo salva sparando il pallone in angolo. Al 7’ De Sciglio crossa forte verso la porta del Sassuolo, Consigli devia oltre la traversa.

All’8’ corner Juve, Rabiot per Danilo che fa partire la botta, larga di poco oltre il palo di sinistra. All’11’ De Sciglio si fa male ed è costretto a uscire: dentro Alex Sandro. Sul lato del brasiliano il primo pericolo degli ospiti: palla persa da McKennie a centrocampo, Berardi servito al vertice trova il tiro dal vertice e costringe Perin a un grande intervento. Al 21’ McKennie sulla destra crossa al centro dell’area: all’altezza del dischetto Rabiot tenta la botta ma viene respinto. Al 22’ sponda di testa sul lato sinistro dell’area di Dybala per la penetrazione verticale di Morata, che finisce addosso a Consigli, in anticipo.

Al 28’ Sassuolo tenta di andare per vie centrali con Defrel stoppato da De Ligt. L’attaccante del Sassuolo poco dopo viene ammonito per fallo su Alex Sandro. Al 35’ errore di Bonucci in uscita, i neroverdi portano Raspadori a calciare in area: Danilo salva in corner. Al 38’ Locatelli trova Dybala, che si accentra e dal limite calcia sull’angolo lontano trovando il palo. Al 41’ sempre Dybala lavora la palla, di tacco serve McKennie, batti e ribatti con Dybala che serve Chiesa, che colpisce male da dentro l’area.

Al 44’ Sassuolo in vantaggio: Defrel pesca Frattesi in corsa e diagonale che batte Perin. Dodicesimo gol subito dalla Juve in dieci partite: non accadeva dalla stagione 1992-93. Un minuto dopo, in ripartenza, gli ospiti sprecano la possibilità di raddoppiare con Muldur, che spreca il passaggio decisivo in area. Finisce così il primo tempo.

La ripresa parte con Cuadrado dentro al posto di Rabiot. Al 55’ su punizione, Dybala pesca Sandro in area ma di testa non trova la porta. Al 57’ azione fotocopia del gol con Berardi che trova il taglio di Raspadori ma l’attaccante calcia di poco fuori. Un minuto dopo, Sandro crossa e sul lato opposto Cuadrado incrocia il tiro, Ayhan respinge a Consigli battuto. Al 59’ ci prova Dybala di prima intenzione, risponde Consigli: di testa arriva Chiesa che, però, non trova lo specchio. Al 61’ Rogerio ammonito per fallo su Cuadrado, che poco dopo viene ammonito a sua volta su Traorè.

Esce Raspadori per Scamacca nel Sassuolo e Morata per Kaio Jorge nella Juve. Al 70’ Scamacca ci prova dal limite, addomesticando il pallone: para senza problemi Perin. Al 71’ Cuadrado mette palla al centro, Kaio Jorge tenta la rovesciata non colpendo benissimo il pallone. Ammonito Traorè per fallo su McKennie. Escono Frattesi e Defrel, nel Sassuolo, per Henrique e Toljan. Al 76’ McKennie pareggia: Dybala calcia una punizione dalla trequarti, stacco del texano e palla in rete per l’1 a 1.

Il Sassuolo prova a ritrovare il vantaggio ma riesce ad ottenere solo calci da fermo. Fuori, nella Juve, Locatelli e Danilo per Kulusevski e Arthur con Cuadrado che si abbassa come terzino. All’86’ escono Traorè e Muldur (ammonito) ed entrano Chiriches e Harroui. Al 91’ gran controllo di Dybala, che in area gestisce il pallone e crossa al centro: Kaio Jorge non ci arriva per poco. Su contropiede, al 95’, Maxime Lopez trovato in campo aperto da Berardi, trova il gol vittoria per il Sassuolo. Finisce 1 a 2 per gli ospiti.