5 gennaio 2014: Juventus-Roma 3-0

di Davide Terruzzi |

Ancora con i botti. Capodanno 2014 è passato da qualche giorno, ma il calendario della Serie A prevede per il 5 gennaio lo scontro tra la prima e la seconda della classe: a Torino è Juventus-Roma, il campionato gioca subito il carico pesante, la carta che può essere decisiva. Il botto più spettacolare, ed emozionante, è però legato alla presenza di David Trezeguet: il centravanti, prima del fischio d’inizio, può finalmente salutare il pubblico e ricevere l’omaggio sentito di tutto lo Stadium.

Le due formazioni arrivano distanziate da cinque punti: la squadra di Conte è riuscita a recuperare l’iniziale distacco e ha preso margine sulla sorpresa giallorossa guidata in panchina da Garcia. Che effetto avrà avuto la pausa? Di certo i giocatori non possono essere ancora con la testa alle lenticchie, al cotechino e alle vacanze. E la partita è subito combattuta: la Roma è potenzialmente letale in contropiede, perdi palla e ti ritrovi a rincorrere qualche freccia. A pararle, le frecce, e a stoppare definitivamente la loro corsa è il solito e straordinario Buffon. La Juventus gioca per vincere, come sempre, e quindi s’adatta alle caratteristiche degli avversari: abbassa il baricentro, non concede profondità, gioca sulla forza dei singoli, sulla tenuta mentale e sull’intensità. A portare in vantaggio i bianconeri ci pensa Vidal con il determinante aiuto di Carlos Tevez: è un’azione inventata dai due che mettono in mostra le indiscutibili qualità. La Roma tiene la palla, la Juventus concede poco o nulla.

Gli episodi, ancora loro. Secondo tempo. Pronti e via e arriva il gol di Bonucci. Punizione di Pirlo, il difensore viene colpevolmente lasciato solo sul secondo palo e insacca in scivolata. La Roma cala fisicamente e perde la testa: espulso prima De Rossi per intervento da rosso diretto su Chiellini, poi Castan che para un colpo di testa sempre di Chiellini. Dal dischetto va Vucinic, entrato al posto di uno stremato Tevez, e segna.

Video dei gol registrati da Maurizio Romeo live.

Dovrebbe essere il gol del commiato, ma lo scambio con l’Inter svanisce e l’attaccante montenegrino continua la sua avventura a Torino. I tifosi cantano “vinceremo il tricolor”. La Juventus è campione d’inverno. D’Italia lo sarà qualche mese dopo.