Juve, terza vittoria di fila! Pirlo: “Partita sofferta. Dybala e McKennie da valutare”

di Riccardo Sgroi |

FIUUUUUUUUU, altro che Scansuolo! Una sofferenza immane ci consegna, infine, la terza vittoria consecutiva. Anche a Mister Pirlo saranno rimaste così poche parole?

“Dybala ha preso un trauma contusivo sul collaterale, valuteremo. McKennie aveva un problemino sullo psoas e ha risentito sul colpo di tacco” – Sarebbero due assenze molto pesanti, soprattutto per l’importanza dei prossimi impegni. Speriamo bene. Paulo, poi, stava ritrovando una buona forma…

“I punti recuperati hanno significato per noi, era importante dare continuità e vincere questa sera. Abbiamo fatto una partita sofferta, gestita male dopo il vantaggio. Siamo stati costretti ad alzarci in modo disordinato, ma l’abbiamo vinta di carattere” – I punti di vista sono sempre due. Quello ottimista: terza vittoria di fila, di carattere contro un Sassuolo dalla grande personalità. Quello pessimista: in vantaggio contro un avversario in inferiorità numerica, abbiamo preso goal a difesa schierata. Diciamo che oggi prevale l’ottimismo, però sarebbe anche tornato il momento dei cleansheets.

“Queste sono le partite belle da giocare. Contro grandi squadre, la concentrazione sale e i punti pesano. Ci prepariamo per la Coppa Italia e poi penseremo all’Inter” – Frasi di circostanza way.

“Noi siamo la Juventus e abbiamo la pressione di vincere tutte le partite. Non ci deve importare la classifica, ma concentrarsi su noi stessi ed affrontare le partite come fossero finali” – Frasi di circostanza way, parte seconda. In sostanza: pensiamo a pedalare, punto.

“La squadra è cresciuta nell’autostima e negli automatismi. La partita col Toro ci ha dato grande forza e voglia di reagire. Ci vuole massima concentrazione per evitare brutte figure” – D’accordo con questa interpretazione. La svolta si è vista con il Torino, mentre Firenze è stata una serata semplicemente maledetta. Ed ogni tanto, inesorabilmente, capita.

“Sul goal del Sassuolo sono stati passivi i centrocampisti e i difensori hanno coperto male. Demiral doveva essere più attento, Bonucci più vicino” – Sembrava di vedere una partita di subbuteo. Centrocampisti fermi, Demiral pigro nell’intercetto, Bonucci troppo lontano da Defrel… Sui cali di concentrazione, Pirlo ha ancora molto da lavorare.

“Dna della Juve non deve mai mancare: se si vogliono vincere le partite, serve grande voglia fino all’ultimo minuto” – FINO ALLA FINE!