Doppietta di Sandro e De Ligt: Juve, 3-1 al Parma

di Mauro Bortone |

Vittoria importante della Juve contro per la Champions contro un Parma orgoglioso e volitivo all’indomani dello sfaldamento del progetto SuperLega: una doppietta di Sandro, un colpo di testa di De Ligt assicurano i tre punti e il terzo posto ai bianconeri, in attesa della gara tra Roma e Atalanta, riducendo a un solo punto il distacco dal Milan e aumentando a 5 quelli sul Napoli (che recupera con la Lazio).

Ci si ributta sul calcio giocato dopo le parole di questi giorni alla ricerca di una vittoria con vista Champions. Juve in campo con Buffon in porta, Danilo, De Ligt, Bonucci, Alex Sandro; Cuadrado, Arthur, Bentancur, McKennie; Ronaldo e Dybala. Il Parma di D’Aversa risponde con un 4-3-3: Colombi in porta; Laurini, Bani, Osorio, Pezzella; Grassi, Brugman, Kurtic; Man, Pellé, Gervinho.

La Juve prova a fare la partita ma il Parma è attento e pronto a ripartire. Non ci sono grandi pericoli nei primi minuti: al 6′ cross insidioso di Cuadrado respinto da Colombi; un minuto dopo Dybala trova Sandro tra le linee, cross basso respinto dal portiere, sugli sviluppi calcia Ronaldo scivolando ma costringe Colombi a un nuovo intervento. All’8′ numero di Dybala che trova Ronaldo al centro dell’area: piattone facile del portoghese intercettato ancora da Colombi con qualche affanno.

All’11 su calcio d’angolo, Parma pericoloso: Pellè si libera di De Ligt e impatta di testa senza però inquadrare la porta. La Juve combina molto e prova a pressare il Parma che si difende e tenta di sorprendere i bianconeri. Al 24′ gli ospiti passano in vantaggio: punizione (per fallo di McKennie su Man) calciata da Brugman con una traiettoria sul palo più vicino e Buffon battuto. Bianconeri tentano una reazione con un paio di situazioni da corner e al 28′ con Dybala che recupera palla e al limite dell’area cerca l’incrocio non trovando la porta. Al 35′ sempre l’argentino ci prova su punizione ma la barriera devia; un minuto dopo torsione in area di Bonucci che sfiora il palo.

Al 42′ Dybala prende palla dalla trequarti e riesce a mettere un cross morbido su cui Ronaldo va altissimo e anticipa lo stacco: Cuadrado tenta la conclusione ma trova il corner. Sugli sviluppi il pari di Sandro, che controlla dentro l’area, si aggiusta il pallone e scarica di potenza nell’angolo: 1 a 1. La Juve prova a sfruttare il momento ma senza produrre azioni significative. Finisce qui, squadre a riposo sul pari.

Si riparte senza novità e la Juve passa in vantaggio ancora con Alex Sandro: azione manovrata con Cuadrado che crossa di prima, Dybala al centro tenta lo stacco ma va a vuoto, alle spalle spunta il terzino brasiliano che sigla di testa il 2 a 1 e la sua personale doppietta.

Juve prende il comando della gara con Dybala, Cuadrado e Danilo particolarmente vivaci e propositivi: la squadra sembra creare i presupposti anche per il terzo gol ma manca sempre qualcosa per chiudere le azioni. Il Parma fatica a difendersi rispetto a quanto accaduto nel primo tempo. Per questo, D’Aversa, dopo aver sostituito Brugman per Hernani, cambia Gervinho e Pellè con Mihaila e Cornelius. Al 63′ occasionissima per il Parma sul corner: Grassi colpisce bene in area e trova la porta, ma Arthur riesce a respingere sulla linea prima che De Ligt spazzi via. Al 65′ la Juve fa girare palla con Danilo che trova McKennie solo in area ma il texano colpisce male: poco dopo Cuadrado riesce a mettere una palla tagliata respinta con ansia dalla difesa dei ducali.

Al 67′ la Juve fa il 3 a 1: calcio d’angolo dalla sinistra con palla messa dentro da Cuadrado e De Ligt che stacca di testa nell’area piccola e batte Colombi. L’olandese è il 13esimo marcatore della squadra in stagione. Al 70′ Cuadrado si libera ancora in area e calcia forte con Palombi che risponde e Ronaldo che respinge involontariamente ma in posizione di fuorigioco.

Cambi nella Juve: dentro Rabiot, Ramsey e Kulusevski per Bentancur, McKennie e Cuadrado. Al 78′ azione sulla destra con Kulusevski che trova Dybala: tiro di prima, risposta di piede di Colombi. Il Parma fa entrare Man e Pezzella per Busi e Karamoh. L’ultimo entrato è subito pericoloso su un cross dalla sinistra di Kurtic: salta bene in mezzo alla difesa e di testa, a tu per tu con Buffon, va alto. All’84 fuori Dybala, che rimanda l’appuntamento col 100° centro in bianconero, per Morata. All’86’ liscio nella propria area di De Ligt, che rischia di innescare Cornelius, ma riesce a recuperare. Fuori anche Arthur e dentro Bernardeschi, guarito dal Covid. All’88’ Ronaldo si mette in proprio con un tiro da fuori alto.

Al 90′ buona opportunità per Cornelius che non trova la porta con un diagonale forte da dentro l’area. Ronaldo prende un’ammonizione dopo aver spazzato un pallone per l’interruzione dell’arbitro per fallo di mano. Al 93′ Parma vicino al 3 a 2 con un colpo di testa da dentro l’area che trova l’ultimo corner. Finisce 3 a 1 all’Allianz Stadium.