Juve orribile. Pirlo: “Mi prendo le mie responsabilità, non potevamo fare peggio”

di Riccardo Sgroi |

Orribili. Mai entrata realmente in campo, la Juve viene presa a pallate dall’Inter di Antonio Conte. Mister Pirlo?

“Questa sera abbiamo sbagliato l’atteggiamento fin dall’inizio, non siamo scesi in campo. Eravamo passivi, senza rabbia” – Questa sera, aggiungerei, abbiamo assistito ad una partita preparata male. La sensazione è che anche fossimo scesi in campo, non l’avremmo spuntata.

“Avevamo paura del gioco d’attacco dell’Inter e quindi pensavamo alla fase difensiva in modo poco aggressivo” – Abbiamo sbagliato tutto lo sbagliabile. In pressione lasciavo sempre Brozovic libero di ricevere; sul goal di Barella abbiamo mostrato un comportamento difensivo indecente; in attacco il nulla cosmico. Unico a salvarsi è capitan Chiello, che per 90 minuti si mena con Lukaku.

“E’ una brutta sconfitta, non potevamo fare una partita peggiore di questa” – Poco, ma sicuro.

“In queste partite devi mettere la stessa foga agonistica dell’avversario per giocartela alla pari. Sono molto arrabbiato” – Onestamente, non si nota. Pirlo è impassibile, come sempre; speriamo che negli spogliatoi si faccia sentire.

“CR7 è un attaccante che si muove su tutto il fronte e giocava a destra per trovare un po’ di spazi. Volevamo stare attenti agli inserimenti delle loro mezze ali e i goal sono venuti proprio da lì” – Cristiano è in un periodo abbastanza negativo. Ha inanellato qualche brutta prestazione e stasera ha fatto una partita ampiamente insufficiente: uno dei peggiori.

“Le nostre ambizioni rimangono le stesse. È un passo falso, ma nel percorso capita. Non può capitare, invece, questo atteggiamento” – Le ambizioni sono importanti, ma poi bisogna perseguirle nel concreto. La battuta di arresto di questa sera è difficile da digerire. Nulla è perduto, ma la vittoria dello scudetto appare sempre più utopica.

“Siamo stati troppo lenti nel giropalla e abbiamo fatto girare soprattutto i difensori. Così non abbiamo trovato passaggi filtranti tra le mezzali, non siamo riusciti a far inserire Ramsey e non abbiamo creato occasione per l’1vs1 di Chiesa” – In altre parole: non abbiamo fatto nulla di ciò che c’era da fare.

“Sbaglia in primis l’allenatore. Mi prendo le mie responsabilità” –Pirlo parla sempre al plurale durante conferenze. Il suo modo di fare l’allenatore concepisce le disfatte collettive, non gli errori individuali. Però questa sera il Mister ha preparato male la partita, è inutile nascondere l’evidenza: giusto che si prenda in toto le sue responsabilità.