Juve-Lione: Tutti per Uno, Uno per Tutti

di Milena Trecarichi |

It’s time. Il giorno tanto atteso dai tifosi, dai calciatori, dalla società bianconera è arrivato. “Les jeux sont faits, rien ne va plus“.  Juventus-Lione è LA partita che vale una stagione, inutile nascondersi, troppo importante qualificarsi alle final Eight di Lisbona, sia a livello di immagine, di prestigio nonché a livello economico e sportivo, perché una squadra forte come la Juventus non può restare fuori dalle migliori otto d’Europa. L’andata persa allo Stade de Lumieres per 1-0, necessita di una rimonta difficile, ma non impossibile, soprattutto se in squadra c’è un certo Cristiano Ronaldo. Lui è l’uomo delle rimonte, dei miracoli, cui la squadra in momenti come questi deve aggrapparsi. Più il coefficiente di difficoltà aumenta, maggiori saranno le aspettative sul fuoriclasse portoghese, lo sa lui, lo sanno i compagni.

Nessuno al mondo ha dubbi sul fatto che Cristiano possa ripetere quanto fatto in Juve-Atletico. Nelle gare decisive fa la differenza, è pronto a fare un altro miracolo“, questo è quanto affermato da Szczesny qualche giorno fa, ma affinché Cristiano possa compiere il miracolo tanto atteso, è necessario che la squadra lo metta in condizione di farlo, come successo nel 3-0 rifilato ai colchoneros lo scorso anno. Tutti devono suonare lo stesso spartito, non dovrà esserci nessuna nota stonata. A Szczesny il compito di chiudere la porta a chiave, a de ligt e Bonucci quello di ereggere un muro invalicabile dietro, i due terzini dovranno dare tutto in entrambe le fasi, i polmoni e la garra di Rodrigo Bentancur, l’estro di Cuadrado, la rabbia del Pipita, le sgroppate dell’ormai cavallo pazzo Rabiot e la miglior versione possibile di Pjanic, per dirigere il traffico in mezzo al campo, tutti ingredienti necessari per una grande rimonta.

Mai come stasera riecheggia quel “tutti per uno, uno per tutti” evocato dal Presidente Agnelli in un tweet di un anno fa. “Tutti” allenatore, calciatori e tifosi (anche se a distanza) dovranno fare la loro parte, “Uno” Cristiano farà il resto.


JUVENTIBUS LIVE