Juve: confermato l’aumento di capitale, ecco 400 milioni

di Leonardo Dorini |

Non si sono sorprese, ma solo conferme nel comunicato in data odierna in cui la Continassa comunica che il Consiglio di Amministrazione ha deliberato: sarà aumento di capitale.

Gli elementi salienti sono quelli già noti: l’importo sarà fino a massimi 400 milioni e le azioni che saranno emesse saranno della stessa categoria di quelle già in circolazione, cioè non saranno azioni di categoria speciale od aventi diritti particolari.

L’aumento sarà offerto in opzione ai soci, secondo la loro percentuale di partecipazione; quindi in teoria ogni socio, a partire da Exor, avrà la possibilità, sottoscrivendo, di non diluirsi, cioè di mantenere la propria quota; ed infatti, il Club bianconero precisa che il socio di maggioranza, la cassaforte Exor della famiglia Agnelli, sottoscriverà la propria quota, versando nelle casse della Società il 63,8% dell’aumento che sarà deliberato, ossia circa 255 milioni se sarà confermata la cifra complessiva di 400 milioni (Marco Iaria rivela in un tweet che Exor anticiperà una quota – 75 milioni – di tale cifra prima dei tempi tecnici dell’operazione, che sono previsti a fine anno).

Ed il rimanente importo? Sarà offerto agli altri Soci, ma con una particolarità: il consorzio di banche che collocherà l’aumento di capitale (composto da JP Morgan, Mediobanca ed Unicredit) ha confermato l’impegno a sottoscrivere un accordo di garanzia, cioè sottoscriverà l’eventuale inoptato che non dovesse essere sottoscritto dal mercato.

Questo significa che, qualora l’aumento di capitale fosse confermato nella misura (massima) di 400 milioni, questa sarà la cifra che entrerà, al netto delle commissioni delle banche, nelle casse sociali: 255 milioni sottoscritti da Exor, il resto dal mercato (o dalle banche se non sottoscritto dal mercato).

E’ ancora presto per conoscere il prezzo a cui le azioni saranno emesse: ci si aspetta un prezzo di emissione non lontano dal valore di mercato, che negli ultimi mesi è tornata ad un livello di 0,75-0,78 euro per azione dopo aver toccato un minimo di 0,68 il 10 maggio scorso; al momento quindi la capitalizzazione del Club torinese viaggio fra i 750 ed i 780 milioni di euro essendo circa 1 miliardo le azioni in circolazione.

Gli ulteriori dettagli dell’aumento di capitale saranno deliberati dall’assemblea dei Soci del prossimo 29 ottobre, che approverà anche i conti dell’esercizio chiuso al 30/6/2021.

Ovviamente questo nuovo aumento di capitale è destinato al necessario rafforzamento patrimoniale dopo i colpi terribili inferti dalla pandemia a tutto il settore dell’entertainment e in particolare dei Club calcistici: la Juventus vuole riprendere il suo cammino ed il percorso strategico 2019-24 già impostato al punto in cui è stato interrotto dal Covid; e, cosa che più importa a noi tifosi, gli azionisti ci credono!