Juan Cuadrado, il terzino differente

di Milena Trecarichi |

cuadrado

Gli allenatori passano, ma Juan Cuadrado…rimane! Ala destra, mezzala, terzino destro, con la sua duttilità il colombiano si conferma tatticamente il calciatore più prezioso, quasi imprescindibile, per qualsiasi allenatore. Sarri, in particolar modo, ha scelto di impiegarlo con continuità, inizialmente per necessità, divenuta poi una scelta tecnica, da terzino destro. Cuadrado da un’interpretazione molto propositiva del ruolo, con continue sovrapposizioni senza palla, a dimostrazione di come riesce a seguire lo sviluppo dell’azione, ma grazie anche alla sua tecnica individuale, riesce ad uscire palla al piede ribaltando l’azione da difensiva ad offensiva.

Il colombiano è l’esterno basso con più dribbling riusciti rispetto a quelli tentati ( 4/5 contro il Genoa), ma questo non fa di lui un individualista, anzi balza all’occhio la sua capacità nell’associarsi con i compagni, tanto da essere il calciatore più sollecitato dai compagni di squadra, come dimostrano i 130 tocchi nella partita contro i rossoblu, che lo portano ad essere il calciatore con più tocchi nella partita di ieri, seguito da Pjanic e Bentancur con 100 tocchi. Dalle statistiche del colombiano inerenti alla partita di ieri sera, balzano all’occhio un’alta percentuale di passaggi riusciti (95.8%), le 3 occasioni da rete create, un assist e 17/22 duelli vinti.

L’errore sul gol di Pinamonti non deve trarre in inganno, in quanto frutto di un lieve calo di tensione sul 3-0 di tutta la squadra e di stanchezza, soprattutto nel caso del colombiano, che causa defezioni nel reparto terzini, le sta giocando quasi tutte e per 90’ pieni, senza poter mai tirare il fiato in qualche partita. A livello difensivo, oltre a far valere la sua esplosività in situazioni che lo vedono nell’uno contro uno, si registrano miglioramenti anche nella lettura delle coperture, nell’anticipo sulle azioni avversarie e nelle diagonali (il lavoro svolto da Barzagli in autunno su di lui e con lui sta dando i suoi frutti). Cuadrado sta diventando una delle certezze nello scacchiere tattico di Sarri, alla Juventus e all’allenatore, non resta che sperare che la Dea Bendata lo preservi da infortuni in questa fase cruciale del campionato, ma anche e soprattutto per LA PARTITA, quella di inizio agosto contro il Lione, crocevia dell’intera stagione.


JUVENTIBUS LIVE