JOFC Urbe Bianconera: emblema di Sport, Etica, Solidarietà

di Riceviamo e Pubblichiamo |

Dello Juve Official Fan Club Urbe Bianconera

 

L’idea di fondare e istituire nella capitale d’Italia un Club Elitario, legato al nome della Vecchia Signora del calcio nazionale “Gianni Brera dixit, ovverosia la Juventus FC”, frollava nella mente appassionata e ribollente di Mario Scola. Nonostante le molteplici difficoltà, in un ambiente monopolizzato dalla contemporanea presenza di due tifoserie agguerrite capitoline, il nostro Presidente è riuscito nel suo intento: lo JOFC (Juventus Official Fan Club) Urbe Bianconera vede la luce il 30 giugno 2018 e le entusiastiche adesioni non sono mancate; il Club diventa Ufficiale, annoverandone oltre 200. Ma il Presidente Mario Scola non si accontenta, il suo disegno è ambizioso, vuole dare vita ad un Club Juventus d’Eccellenza: “aperto a liberi professionisti, validi imprenditori, studenti universitari, artigiani, con la presenza massiccia di alti esponenti delle Forze Armate e non mancano esponenti politici di spicco degli opposti schieramenti”.

L’Eccellenza del Club si evince, non solo dall’appassionato attaccamento alla Juventus FC, ma anche dal profondo sentimento etico, oltre che di solidarietà già estrinsecato in svariate iniziative di beneficenza (a Natale 2020 un congruo bonifico a favore della Lega del filo d’oro – Associazione per Sordociechi). L’anima di tutto questo va ascritto all’indefessa opera del Presidente; che coniuga l’amore, la passione, lo spirito di appartenenza alla famiglia Bianconera, con i valori della vicinanza per chi si dibatte in situazioni fisiche, psichiche, materiali più sfortunate della maggioranza della società.

La Juventus non è solo competizione sportiva, ma è anche sinonimo di lealtà, eticità, generosità, soccorso nelle calamità naturali e sanitarie e lo JOFC Urbe Bianconera è e sarà sempre presente. Il Club si è ora adoperato, nella sua nuova iniziativa benefica, per l’acquisto di pacchi viveri a favore della fascia più esposta degli immigrati Guatemaltechi presenti a Roma, affidandoli all’Ambasciata del Guatemala presso la Santa Sede. Padre Jorge Tejada “Coordinatore del Protocollo per le situazioni di sostegno alla comunità cattolica Guatemalteca di Roma”, ha poi provveduto alla consegna dei pacchi viveri.

L’aspirazione e il fine ultimo del nostro JOFC Urbe Bianconera, dice il Presidente Mario Scola, che lo rende diverso e unico nel suo genere, oltre all’identificazione e allo stile di vita connaturato all’ideale della Juventus FC, alla quale ci lega un sentimento e un amore che supera il contingente, ci vede in prima fila nell’impegno sociale e civile per contrastare e attenuare nel nostro piccolo, gli effetti devastanti che la pandemia sta infliggendo all’intera società. Siamo vivi per un atto d’amore, vogliamo contribuire a che questo sentimento non si disperda e vada oltre questa nefasta contingenza; ne usciremo più forti e consapevoli di prima e la Juventus con noi.
Fino alla Fine Juventus Vincit!


JUVENTIBUS LIVE