Intervista a Fabiana Della Valle: estate 2017, ultras, insider Gazzetta e Juventibus

di Giacomo Scutiero |

 

-Ciao, Fabiana. Benvenuta nel miglior sito juventino dei sette pianeti gemelli appena scoperti.
WOW… Ciao, Giacomo. Grazie, sono pronta.

 

Anche se non è vero, tocca dirlo: sempre ti leggo e sempre ti trovo piuttosto interessante.
Cominciamo bene…

Il mio pezzo preferito da te firmato parla di Barzagli e risale alla sera precedente la finale di Champions.
Hai beccato il mio giocatore preferito alla prima domanda, bravo…Ero a Berlino, ricordo il gran caldo. Chiellini infortunato in panchina chiacchierava con Barzagli, che avrebbe giocato titolare recuperando in extremis dall’infortunio. Scrissi sul suo rientro. Conosco Andrea da dodici anni, ultimo anno a Verona: da sempre educato, elegante, sorridente e mai infastidito per domande off/on the record. Mi piacque molto scrivere quel pezzo, grazie per avermelo riportato alla mente.

 

L’ho fatto per ingraziarti dal principio, eh. Così ora rispondi a tutto come l’ubriaca… A proposito, eri sobria al 100% quando hai scritto Dybala “Massimo Decimo Meridio”?
Certo! Non bevo, anche se a volte può sembrare…Paulo ha esultato in quel modo ed io, appassionata di Roma, Il Gladiatore e Russel Crowe, ho approfittato.

Non fare come la ragazza cui chiedo “Di dove sei?” e mi risponde “Roma”, quando invece abita a Civitavecchia…Sincera!
Nata nella Capitale da papà romano e mamma ciociara, a tre anni sono andata a vivere a Ceprano (Frosinone).

 

Leggi Juventibus ovviamente…
Certo!

Solo le robe antipatiche o pure quelle simpatiche?
Secondo te?

Parto da una delle seconde. L’estate scorsa ho scritto un pezzo su Higuain in arrivo e ti ho citata: dodici mesi prima avevi scritto che a Gonzalo piaceva e parecchio l’idea Juve.
Eh, quella volta avevo bevuto! Dai…Sì, era attratto. All’epoca non c’era alcuna condizione favorevole per trasferirsi, poi ci fu la clausola del Napoli e…Novanta milioni! Nel momento in cui tutto è dipeso dalla Juve, col Napoli impotente, non c’era più alcun ostacolo.

Guarda che non aveva una pancia anomala a settembre…Ha quel fisico da anni, è chiatto!
Non ho mai scritto di report medici, ma di impressioni di campo: fidati, almeno 3-4 kg in più c’erano! Ma che importa, dici, segna pure a +10!

 

Attualità, cosa pensi della faccenda Juve-ultras-biglietti?
Non seguo la vicenda in prima persona, però è di certo una notizia. Non parliamo di roba pesante, è clamorosa ed imbarazzante perché dentro c’è un Agnelli; penso, senza avere cognizione ad ora, che ci sia stata sottovalutazione prima e dunque dopo la gestione della vicenda è complicata. Ho letto molti tifosi preoccupati, ma non c’è alcun dramma in divenire, nulla a che vedere con Calciopoli!

 

Sottovalutazione… Tipo quella di Gazzetta riguardo al vandalismo milanista allo Stadium?
Ne abbiamo scritto per tre giorni, condannando in toto l’episodio. Che volevate? Davvero non c’è altro da aggiungere.

MMMHHH, ok.

 

Esposito della Commissione Antimafia, senza fare il nome, lascia intendere che il Procuratore FIGC stia cavalcando un’intercettazione che non esiste o che, alla meglio, non fa riferimento ad Agnelli (ma a un ex dipendente Juventus).
E, in aggiunta, trattasi di una telefonata facente riferimento a un periodo successivo a quello in indagine. Cosa pensi dell’operato del capo della Procura federale?
Penso che il lavoro altrui vada rispettato e giudicato alla fine. Certo è che se verranno accertati errori o scambi di intercettazioni nelle deposizioni, bisognerà prenderne atto e capire che peso hanno sull’intera vicenda. Comunque sia, non cambia la sostanza in sede di processo sportivo e di processo penale in cui la Juve non ha indagati. Tra l’altro, la conversazione Calvo-D’Angelo avviene più di un mese dopo gli arresti: per i PM di Torino non può avere evidenza probatoria.

 

Torno a Juventibus e ai media. Il primo scopo del tuo giornale è raccontare il fatto o soddisfare il lettore?
Abbiamo l’obbligo di dire il vero anche non accontentando chi legge, zero dubbi. È il dovere del giornalista.

Conosci la percentuale di juventini-milanisti-interisti che legge Gazzetta?
No, ma per numero assoluto la maggioranza è bianconera; è un “giornale del Nord”, citando un presidente del Sud…

 

Un mese fa hai scritto che uno tra Allegri e Bonucci lascerà di certo la Juve in estate. Riaffermi?

Confermo e aggiungo: non mi stupirei se entrambi uscissero. Bonucci diventa trentenne e la Juve può monetizzare e non poco col miglior difensore italiano; il mister, se parte, va all’estero e non c’entrano alcunché le discussioni coi giocatori. Anche se so che la Juve farà di tutto per trattenere Max.

 

Che puoi dire del motivatore Alberto Ferrarini? Che idea hai della persona?
Non l’ho incontrato, purtroppo. Purtroppo perché mi piacerebbe molto: lo seguo sui social, nelle sue dirette Facebook, spero un giorno di poter parlare con lui.
Il “cliente” storico Bonucci ha suggerito a Chiellini di farsi seguire; Giorgio era avvilito per i molti infortuni e cominciava ad aver paura del circolo vizioso. Forse pochi sanno che anche Pogba è stato accompagnato da Ferrarini, che (chicca) consiglia poi a Paul di non tornare a Manchester perché “non è ancora il momento giusto”.
Un altro ex juventino è stato per un po’ dal motivatore: Pereyra. Ma il suo fisico pareva senza speranza…

 

Visto che ci leggi, che opinioni abbiamo e come le mettiamo per iscritto?
C’è troppa prevenzione e un po’ di approssimazione nel giudicare i nostri pezzi. Aprioristicamente, d.C. (dopo Calciopoli), molti tifosi juventini fanno guerra alla Gazzetta perché la ritengono colpevole di scrivere cose non vere o comunque che non piacciono; a me dà fastidio chi pensa ci sia premeditazione, chi dà giudizi a prescindere. Dietro un giornale c’è sempre un lavoro e ci sono errori, certo, sempre in buonafede. Spesso, da parte vostra, noto manchi questa considerazione.

Un esempio?
Non mi è piaciuta la ricostruzione della questione accrediti. Non avete fatto informazione. Potevi scrivermi, ti avrei risposto e raccontato la verità.

Faccio ancora in tempo?
Sono contenta di chiarire una volta per tutte. Gazzetta ha quattro pass stagionali: tre sono per chi segue la Juve tutta la stagione (me, Dalla Vite e Conticello) e uno per il collaboratore locale, Mauro, che scrive perlopiù per il sito e mai della partita. Sono 4 gli accrediti richiesti per le gare serali con top club: un “partitista” (mai uno dei tre detti sopra), un pagellista (che può essere anche uno dei tre) e due per pezzi di “spogliatoio” (l’allenatore, un protagonista del match…). La deadline delle gare serali è ravvicinata e son necessarie più persone per chiudere in fretta.
Per Juve-Pescara sono stati richiesti i soliti 4 pass ed erano a nome Bianchi, Olivero, Dalla Vite e Della Valle. Mauro, che scrive anche per Il Messaggero, e Conticello erano uno impegnato e l’altro in ferie; la Juve rifiuta i nomi nuovi e conferma i soliti 4 accrediti di stagione. Noi abbiamo detto: diteci quanti posti abbiamo. Nessuna risposta, poi interviene l’USSI; la Juve ammette l’errore e però dichiara che ormai la tribuna stampa è esaurita (bugia: c’erano almeno quattro posti vuoti).

 

La prossima volta ti chiamo prima, magari ad ore pasti… A proposito, hai digerito bene le pietanze dello Stadium?
Sto già ridendo perché vuoi chiedermi del buffet…Nessun tweet che ho scritto ha ricevuto tante visualizzazione come quello! Semplicissimo: dopo la storia degli accrediti, mi hanno scritto in tanti pensando che io non avessi il pass e mangiassi a sbafo; ho provato fotograficamente che ero presente e basta. Nessuna denigrazione dell’organizzazione Juventus! Tra l’altro, il buffet è eccellente. So che ve ne frega nulla, ma so cucinare pranzo e cena e mangio anche quando non sono inviata alle partite!

 

Ma lo so, ti pare…  So pure chi è l’insider nello spogliatoio. Quindi, mi confermi e dettagli oppure ti giochi il -No Comment-?
A proposito di chi ha “ascoltato” Buffon sullo scansarsi? Non mi piace parlare di colleghi, ma faccio un’eccezione perché si tratta di mio marito (Olivero). Quando hai una notizia, la verifichi più volte e la giri al capo e al direttore; questi valutano e ragionano sul da farsi. Nello stesso pezzo dello sfogo di Buffon, che è stato mal interpretato essendo solo autore di un discorso positivo e motivazionale, c’era anche un racconto su Dybala che, infortunato, giocava a basket…Quasi tutto quello che avviene in spogliatoio, si sa (vedi il caso Bonucci per ultimo).

Allora l’errore fu del titolista?
Non è stato un errore, ma una scelta. Spesso si usa il virgolettato anche per frasi riportate; senza, probabilmente, ci sarebbe stato meno caos. Nessuno di noi ha voglia di destabilizzare la casa bianconera, nessuno!

 

In conclusione, ci odi oppure ti siamo indifferenti? Noi ti odiamo…
Macché! Siete bravi, siete competenti, molti articoli sono fatti molto bene e sono letti da me e colleghi. Solo che a volte…Va be’, ho detto prima. Comunque, vi faccio i complimenti perché mettete un mare di passione e non avete alcun ritorno materiale. È la cosa più bella, davvero, perché vi piace quello che fate e si vede!

 

Grazie, scrocca pranzi-moglie di 007-ruba pass.
A te! Sparisci!