Inter e Juve statistiche a confronto: come arrivano al big match

di Valerio Vitali |

Inter – Juve oltre ad essere una partita dal sapore speciale è anche una gara che regala statistiche interessanti. Il big match di San Siro mette in contrapposizione due squadre coinvolte nella lotta per lo scudetto e che nell’ultimo trend stanno anche dimostrando di essere le più attrezzate.

Ma appunto, come arrivano le due squadre alla partitissima di stasera? Indubbiamente bene. Prendendo ad esempio come metrica di riferimento le ultime 8 gare di Serie A, ovvero quelle di dicembre e gennaio, Inter e Juve sono i due club che hanno collezionato il numero più alto di punti: ben 19. Milan, Roma e Lazio seguono a ruota con 17 (ma con le romane che hanno una partita in più). I bianconeri pero’, rispetto ai nerazzurri ci arrivano con una “differenza reti” migliore: Juventus +11, Inter +8.

Altro dato che si è evinto dalle statistiche di questo ultimo trend è rappresentato dall’abilità della squadra di Pirlo a strappare più punti fuori casa rispetto all’Allianz Stadium. Basti pensare che la Juventus ha ottenuto 4 vittorie sulle ultime 4 trasferte (considerando sempre a dicembre quella di Champions con il Barcellona). Si puo’ affermare dunque con totale certezza che la Juve stia trovando la quadra lontano da Torino, sia in termini di punteggio che di gol realizzati/subiti. In queste 4 uscite esterne infatti i bianconeri hanno messo insieme 13 reti e ne hanno subite solamente 2. Una controtendenza se analizziamo il periodo dicembre-gennaio con le statistiche in casa. Un aspetto, questo, di certo strano per la Juventus che ha costruito i successi di quest’ultimo decennio proprio tra le mura amiche.

Tradizione che invece non abbandona l’Inter. La squadra di Antonio Conte infatti ha vinto tutte le ultime 4 sfide a San Siro, mentre ha lasciato punti per strada solamente a Roma e a Genova contro la Samp. Resta pero’, anche in casa, la difficoltà delle reti inviolate. I nerazzurri subiscono una media di 1 gol a partita in casa propria e anche in Champions il dato numerico avalla la tesi di un’Inter ancora in fase di registro difensivo. Altra anomali questa se si pensa ad una squadra costruita e plasmata da Antonio Conte. L’allenatore leccese, che ritroverà la sua ex squadra e Pirlo, suo uomo vitruviano nel triennio di dominio scudettato, proverà a  prendersi la rivincita dopo le due sconfitte dello scorso anno.

Sui quotidiani e media mainstream si parla di “zampata alla Juve in difficoltà”, ma l’analisi di queste statistiche evidenziano proprio l’esatto contrario. Una sola sconfitta nelle ultime 8 gare (10 se consideriamo anche Champions e Coppa Italia). In questo trend di un mese e mezzo i bianconeri hanno la stessa percentuale di vittorie del quinquennio di Allegri e tutto fa ben sperare per un andamento pari e continuo per togliersi ulteriori soddisfazioni da qui al futuro prossimo.