Infortunati Juventus, facciamo chiarezza

di Juventibus |

La Juventus a Cagliari sarà notevolmente rimaneggiata. Quando Allegri ha riportato l’elenco degli indisponibili, si è scatenata la ricerca del colpevole. I primi ad essere additati, come spesso accade, sono proprio il tecnico e il suo staff ritenuti artefici della serie d’infortuni capitati ai bianconeri.

Tastando il polso dei tifosi si leggono frasi del tipo “cambiamo i preparatori”, “non può essere sfortuna”, “agli altri non succede mai”, “i nostri sono tutti problemi muscolari”. Muscolari appunto, i più contestati. Ma davvero la Juve è così tartassata da questo genere di infortuni rispetto ad altre big?

Per avere un quadro complessivo abbiamo raffrontato ciò che accade riguardo al numero ed alla natura degli infortuni della Juve, confrontandoli con altri grandi club come Real Madrid e Barcellona. In Bundesliga il campionato ha meno giornate, mentre in Inghilterra c’è una coppa nazionale in più.

In queste tabelle (fonte: transfermarkt.it) vengono elencati i giocatori e le loro assenze forzate in riferimento ai campionati nazionali.

In rosso gli infortuni di natura muscolare,  gli altri sono stop per traumi, febbre e quant’altro.

Rispetto al totale (96 partite saltate) quelli riconducibili a noie muscolari sono 32: il 33%.

Se ci aggiungiamo che tali noie muscolari colpiscono  i “soliti noti” (Barzagli, De Sciglio, Douglas Costa, Khedira), vuol dire che ci sono giocatori predisposti a quel tipo di infortunio, ma non si può addossare la responsabilità ad una preparazione sbagliata, perché il 90% della rosa non ha alcun problema.

Sulle 96 assenze inoltre 63 (i 2/3) sono suddivise tra 6 uomini: il 37enne Barzagli, Spinazzola già infortunato a Bergamo, Khedira con i problemi cardiaci, Emre Can con quello alla tiroide, e gli sfortunatissimi Douglas Costa e Cuadrado.

Le restanti 23 gare saltate sono suddivise tra 18 uomini (escludiamo i Primavera e uno tra Benatia e Caceres), quindi poco più di una giornata saltata per 18 uomini sui 24 in rosa.

Confrontiamo ora i dati dei bianconeri con Real Madrid e Barcellona, squadre che giocano finora quasi lo stesso numero di gare e hanno, grosso modo, la stessa ampiezza di rosa e “obbligo” di vincere.

Il Barcellona ha accumulato finora 81 partite saltate di cui 38 per problemi muscolari: il 46%.

Il Barcellona quindi ha avuto in stagione più gare saltate per infortuni muscolari rispetto alla Juve.

Più allarmante il dato del Real che su 91 partite, ha 63 infortuni muscolari: oltre il 69%.

Sono 13 (su 28 in rosa) i madridisti colpiti da guai muscolari, più degli 8 coinvolti in casa Juve.

Infine diamo un’occhiata all’unica altra italiana che ha superato i gironi Champions, la Roma:

Il giallorossi totalizzano finora 96 gare saltate di cui 66 per noie muscolari: anche in questo caso il 69%.

Con questa analisi non si vogliono togliere responsabilità ad Allegri o al suo staff, ma quantomeno è possibile avere una visione più approfondita su quello che accade in termini di assenze per guai muscolari in molte altre squadre, forse in termini anche più gravi, come nel caso di Real e Roma.

Si può e si deve migliorare sicuramente, anche in relazione all’età della rosa e ad alcuni uomini particolarmente recidici o ad atleti che sembrano soffrire viaggi e differenze di allenamenti con gli impegni delle nazionale ma concludendo, la Juventus ha davvero un problema evidente di preparazione atletica che sfocia in infortuni muscolari?

Si può dire in maniera abbastanza decisa di no, per buona pace di molti.

di Vincenzo Bonfiglio (@vbchannelhd)