Grazie per quelle indimenticabili 18.38

di Riceviamo e Pubblichiamo |

Ho partecipato alla trasmissione 18.38 con Massimo Zampini e Luca Momb…E STI GRANDISSIMI C….
Faranno  già risuonare i “nostri piccoli (e grandi) lettori” di Juventibus,  senza nemmeno permettermi di finire il nome di LucaFausto.
E invece no. A me interessa. E’ stata infatti un’esperienza gradita, gradevole, divertente, inattesa, anche se  un po’ auspicata, e quindi mi va di raccontarla, così che magari anche ad altri venga la voglia e il desiderio di provarci e soprattutto di abbonarsi al canale.
Tutto nasce dall’abbonamento, appunto,  al canale Twitch di Juventibus, che mi era sembrato doveroso, visto l’impegno e la competenza dei conduttori e giornalisti e alla qualità delle trasmissioni che ormai seguiamo abitualmente: abbino il mio Amazon Prime a Twitch e, dopo qualche difficoltà, mi trovo abbonato con tanto di coroncina sulla chat.
Decido pertanto di scrivere la mail per essere invitato a #38minuti, senza grandi speranze. Dopo essermi  autopromosso ricordando il Pagellone che avevo  scritto per #CasaJuventibus, le partecipazioni a ben due “Eventibus” e aggiungendo diversi complimenti a Zampini, mi trovo, con grande sorpresa e piacere, invitato a parteciparvi dopo qualche giorno.
Ho 57 anni, e non dovrei più comportarmi come un bambino che va ad incontrare Topolino, ma a me è successo quasi questo, grande eccitazione e, ovviamente,  ho cercato di nasconderlo il più possibile almeno ai miei famigliari. Così, en passant,  l’ho detto a mio figlio Davide, che ha visto con me, durante il lockdown,  tutte le puntate di #CasaJuventibus, e poi l’ho accennato anche a mia moglie, fingendo che per me fosse una scocciatura. Ma da quel momento non ho avuto altro in mente che quell’ora: le 18.38 del giorno dopo. Cosa fare con l’ufficio e, soprattutto, cosa mettermi per la diretta?
Così ho chiesto all’altro mio figlio, Fede, di venire a prendermi il giorno dopo, dicendo che la mamma avrebbe ritardato e che io non potevo essere assolutamente a casa più tardi della 16.30 (2 ore prima dell’appuntamento) ”Sai, mi hanno invitato Zampini e Momblano  alla trasmissione”. Ma lui già lo sapeva, evidentemente aggiornato da Davide.
Giunto il giorno dopo così a casa, ho cominciato a ingannare l’attesa:
quale maglia mettermi? Quella della Juve? NO, è esagerato, mica vado allo stadio. La metto e ci metto sopra una giacca. No. Ma certo! Ho la maglia commemorativa della marcia del 2006. Con la giacca, così si intravede solo la “Ju” di “la Juve siamo noi” e se mi chiedono che maglia stia indossando, ho una bella storia da raccontare.
Poi devo prepararmi e ripassare almeno le ultime prove della Juve, così scarico le formazioni delle ultime tre partite di campionato, escludendo quella prevista per il Napoli, che poi invece (come volevasi dimostrare)  sarà oggetto di discussione su input di Momblano. Poi penso a  quella che potrebbe essere la formazione anti Dinamo Kiev, di cui sicuramente discuteremo. Chi metto a sinistra? Frabotta? No. Non lo rischia in una partita così importante. Cuadrado!
Ok deciso, o lui O Bernardeschi a sorpresa. Poi Arthur e Benta  in mezzo, Kulu o Dybala e Morata in attacco. Appuntata e sistemata nella posizione del telefono. Adesso manca un’ora; doccia, mi faccio un tè, ma ho appena preso un caffè, ok mi faccio un tè con qualche biscotto, meglio essere pronto che non abbia una crisi di fame durante la diretta (manco dovessi scalare lo Stelvio).
17.45
Non arriva il link promesso…
17.50
Si ricorderanno che devo partecipare? Guardo la posta. Niente di nuovo. Guardo il telefono. Ho lasciato il numero? Sì. Non si ricordano. Figuriamoci, ne avranno trovato un altro più competente. Come dargli torto.
18.00
Calma. Sulla mail c’è scritto che mi contattano alle 18.30. Ma CAZZO! alle 18.30!  Ma io non ho idea di come ci si collega. Non capisco nulla di video-microfoni-connessioni.  E se non funziona il WIFI, Davide tutti i giorni si lamenta di quello? Ok metto i dati. Provo l’inquadratura. Meglio metterci un libro sotto, anzi lo tolgo così si intravede la maglia, no, troppo basso, lo rimetto. Ok va bene così.
18.20
Mi hanno mandato il link. Allora non si sono dimenticati? Vado in diretta con Momblano e Zampini, ma ci rendiamo conto? Proviamo a attivarl… Nooooo ERRORE 404. Che cosa significa? Riprovo. Ancora errore!. Aspettiamo le 18,30, magari nessuno è collegato. Riprovo. Vai! si collega,. Ma ci sono solo io! Dove sono Momblano e Zampini?
Aspetto…
Aspetto…
Prova microfono, sembra funzioni, si alza un’asticella, sembra funzioni. Si sentirà? Mi metto le cuffie? No. A #CasaJuventibus (ormai è il mio paradigma di tutto, quella trasmissione) quando hanno le cuffie non si sente. Ok, speriamo vada bene.
Le 18.35
Aspetto…
Le 18.37
Aspetto e comincio a sudare
Le 18.38…
 
Le 18.41…
Cazzo, anche loro! Se si chiama 18,38 perché iniziano in ritardo?
18.42
Oddio!

Devo-attivare-anche-questo-pulsante-che-non –avevo-visto-avranno-già-iniziato-senza-di-me-che-figura-di-m-già-subito

Click!
Sullo schermo compaiono Vincenzo, Momblano e Zampini che non danno l’impressione di essere particolarmente agitati perché non mi collegavo, anzi sembra si siano collegati solo adesso anche loro. Menomale!
Mi mettono a mio agio, due parole, io sono nel pallone più completo, ma cerco di nasconderlo.
“Non metterlo ancora in onda, cominciamo io e Luca
Si comincia…

grazie

Stefano Maffei


JUVENTIBUS LIVE