"E i granata scuotono la testa…"

di Antonello Angelini |

Bellissimo derby.
Due squadre che si sono affrontate a viso aperto.
Buona la Juve all’inizio con 3-4 palle gol, poi Toro in vantaggio con quel fenomenale giocatore che è Belotti. Poi ancora Juve  1-1 di Pipita, e ancora bene sino alla metà del secondo tempo dove il Toro sembra averne di più, ma magicamente appare lui, mister 29 anni appena compiuti e 80 milioni e tira un missile aria-aria che si insacca. Portiere e difensore allargano le braccia e scuotono al testa. Non c’ è nulla da fare sembrano dire…quando una squadra ha uno così non c’ è rimpianto né speranza, prima o poi il gol lo prendi.
Unica vera manchevolezza nel Toro, il fatto che non ci sia reazione dopo il gol del vantaggio Juve, come se la vittoria della Juve fosse ormai acquisita, ineluttabile. Non si può remare controcorrente sembrerebbero dire. Poi il risultato poteva anche essere più rotondo dell’ 1-3 finale. Le facce dei tifosi inquadrate da SKY spiegano ogni cosa.

Analisi: bravo Allegri a giocarsela a viso aperto con Sandro e Cuadrado sulle fasce di un 3-5-2 inedito sulle ali. Finalmente affronta con coraggio l’avversario e lo spettacolo ne risente positivamente. Sostengo questa cosa da tempo immemore e finalmente anche Allegri sembra darmi ragione. In Champions bisogna giocare così sempre. Giusti anche i cambi.

Pagelle: Buffon 6, Lichsteiner 4.5, Rugani 6.5, Chiellini 7. Centrocampo: Sturaro 5, Marchisio 6, Cuadrado 7, Sandro 7, Pjanic 6.5, Lemina 6.5. Attacco: Mandzukic 7, Higuain 8, Dybala 7.5.

Allenatore Allegri 7.

Unici due nei sono stati la tenuta atletica che non è sembrata al TOP, ma al Top bisogna essere a febbraio, e Lichsteiner molto stralunato.

Adesso la pressione è sulla Roma che dovrà vincere contro il Milan.
Da notare e sottolineare l’ennesimo errore arbitrale con vittima la Juve. Dopo il gol di Pjanic a Milano contro il Milan e i rigori negati contro Inter e Genoa, anche nel derby un rigore solare negato alla Juventus.