Gianluca Di Marzio svela: “Ecco il metodo Paratici”

di Juventibus |

Domande su domande, aneddoti su aneddoti, nomi su nomi. E’ questa la dolce condanna di chi si fa da portavoce giornalistico del calciomercato. Gianluca Di Marzio ne è il capofila italiano (e non solo), e nell’ospitata a casa Juventibus arriva a sintetizzare il “metodo Paratici” ricordando dapprima che il direttore dell’Area Football bianconera aveva profetizzato (ovvero spiegato con largo anticipo, proprio in un’intervista rilasciata a Sky) che sarebbe un stato un mercato incentrato sui cosiddetti “affitti”. Ed ecco spiegata, senza che possa ritenersi improvvisata, l’architettura dell’operazione che ha riportato Alvaro Morata là dove ci si era lasciati appena un anno dopo Berlino. Ma anche l’operazione Chiesa, volendo. O persino il blitz lampo per McKennie a fine agosto.

Ma soprattutto il più amato (e più seguito sui social) giornalista sportivo italiano spiega: “Fabio non dorme mai. E’ sempre attivo e per il ruolo che detiene ha bisogno di assoluta lucidità, ecco perché Cherubini è operativo al suo fianco. Lui sui giocatori lavora così: stringe diversi accordi contemporaneamente, li tiene in pugno, e poi effettua la scelta al momento opportuno in base alla necessità, alle caratteristiche utili, alle condizioni economiche reali, alle priorità”. Un metodo, aggiungiamo noi, permesso dallo status acquisito dalla Juventus e dal fatto di lavorare in questa Juventus ormai affascinante per tutti (tanto più con il carico da novanta che risponde al nome di Cristiano Ronaldo) e nuovamente irrinunciabile agli occhi dei calciatori quando arriva la cosiddetta chiamata…