Germania-Ucraina: Khedira mostra la sua intelligenza

di Roberto Nizzotti |

Esordio per la Germania campione del mondo nell’Europeo e, di conseguenza, per il nostro Sami Khedira, con annessa vittoria, tutt’altro che scontata, sull’Ucraina per 2-0 (Mustafi e Schweinsteiger).

Sami, in coppia con Kroos, è stato protagonista di un match solido, ordinato, giocato con intelligenza tattica, come ci ha abituato a fare. I passaggi completati (60/67 per un 90% di efficacia), quelli ricevuti dai compagni (73) e i palloni intercettati (2) sono alcuni dei dati del match che aiutano a capire il livello della gara di Sami e la centralità nel gioco tedesco.

Rispetto al compagno di reparto, Sami ha avuto più libertà di attaccare, sfruttando l’abilità negli inserimenti e nel giocare tra le linee, fornendo sempre una soluzione di passaggio al compagno in possesso palla e andando al tiro in 3 occasioni (2 in porta) Inoltre ha dato sfoggio della buona visione di gioco di cui è dotato con verticalizzazioni e cambi di gioco,

 

Movimento tra le linee di Khedira , abile a ritagliarsi lo spazio per poter ricevere il passaggio del compagno.
Movimento tra le linee di Khedira , abile a ritagliarsi lo spazio per poter ricevere il passaggio del compagno.

 

Movimento, attacco dello spazio e cambio di gioco.
Movimento, attacco dello spazio e cambio di gioco.

 

Tiro dalla distanza di Khedira, sempre nel vivo del gioco tedesco.
Tiro dalla distanza di Khedira, sempre nel vivo del gioco tedesco.

 

Una grande partita quella giocata dal nostro n.6 , grazie all’intelligenza calcistica che contraddistingue questo centrocampista e che ne fa uno dei migliori in Europa nel suo ruolo. Semplicemente determinante.