Genoa-Juve 1-3, finalmente è tornato il “Dybaldo”

di Valerio Vitali |

Genoa - Juve

In un Genoa – Juve che ha messo in mostra un’ottima prova della squadra di Pirlo, spicca il ritorno al gol di Dybala. Per la ‘Joya’, che attendeva la rete in Serie A come mai da quando è in Italia, una prova più che ottima nella ripresa, meno nella prima frazione di gara. Insieme al solito Cristiano Ronaldo, arrivato stasera alla presenza numero 100 in bianconero, si è ricomposta la coppia che lo scorso anno ci aveva regalato lo scudetto. Il “Dybaldo” è tornato.

Oltre alle 3 reti dei due attaccanti pero’ c’è stato anche altro. La Juventus ha offerto infatti una prova ben oltre la sufficienza. In doppia cifra sia nei tiri che nei calci d’angolo. Una sola occasione da gol concessa e purtroppo pagata a caro prezzo. Oltre al solito gargantuesco McKennie, da segnalare con particolare accezione positiva anche i vari Bentancur e un Cuadrado come suo solito furbo nel leggere le situazioni del momento e andando a conquistarsi il primo dei due rigori.

Una Juventus quasi perfetta, che non ha concesso campo e geometrie agli avversari. I bianconeri hanno strappato un gran quantitativo di palloni in mezzo al campo. Decisivo il ruolo chiave giocato dallo statunitense come “falso trequartista”. Un giocatore che ha praticamente calpestato ogni zolla del terreno del campo di Genova.

La squadra vista quest’oggi al ‘Marassi’ prosegue dunque sulla falsa riga delle ultime uscite stagionali. Per i ragazzi di mister Pirlo infatti i numeri da incorniciare. Salgono infatti a 10 le partite consecutive della Juventus senza mai perdere. Da quella sconfitta interna contro il Barcellona sono infatti arrivate 8 vittorie e 2 pareggi. Un trend più che positivo che porta in dote maggiore sicurezza, nonché maggiore confidenza con le idee nuove che l’allenatore bresciano sta provando ad instillare. Con ‘Joya’ guardiamo al presente ma soprattutto al futuro prossimo.