Francia-Albania: Molto rumore per nulla

di Juventibus |

dal nostro corrispondente
Atto II dei nostri pupilli francesi contro l’Albania. Fari puntati su Pogba che dopo la mezza delusione contro la Romania parte dalla panchina. Sempre titolare invece Evra che, anche se non ha il cuore del pubblico, ha sempre quello dei suoi allenatori e Deschamps non fa eccezione. Partenza al fulmicotone degli albanesi che forse non hanno piedi buoni ma hanno polmoni e grinta da vendere;  la Francia con un 4231 offensivo appare confusa e sorpresa della prestazione degli avversari.

Pat ha il suo da fare contro le scorribande dell’Albania vicina al gol in un paio di occasioni; da notare che Patrice vince tutti i contrasti, anche di testa e  appare ordinato e puntuale; ma l’attacco in confusione e i due centrocampisti  costretti agli straordinari portano la difesa transalpina a subire troppo.

Primo tempo senza nessun tiro nello specchio, prima volta in questo Euro e la Francia che ritorna negli spogliatoi molto ridimensionata. Secondo tempo con Pogba subito al posto di Martial e la musica cambia radicalmente. Per intenderci si passa dal delicato Debussy ai Metallica ma quelli di inizio carriera però. Con Griezmann poco dopo al posto di Coman si mette il volume a palla, iniziano a dialogare e si vede qualche stralcio di calcio giocato (bene).

Pressing alto dei francesi e occasioni che si susseguono, manca solo la precisione. Colpisce la posizione di Paul, non ben definita, troppo alto, troppo basso un pò a destra e un pò  a sinistra. Quello che però ci rimane incomprensibile è la quasi assenza di volontà di mettere Pogba al centro del gioco: non conto le volte che l’ho visto smarcato e non servito e, a pensar male,  si potrebbe ipotizzare uno spogliatoio non così unito di come vogliono farci credere. Qualche gelosia o voglia di prima donna potrebbe incrinare il lavoro de ct francese.

Oppure, ma non ci credo, Deschamps considera Paul un centrocampista normale e niente più, mentre per me è semplicemente il migliore in assoluto (francese di gran lunga). La partita è cambiata radicalmente con il suo ingresso e solo  l’aspetto psicologico mi è sembrato devastante per gli albanesi.

Tuttavia Griezmann arriva al gol solo a 2 minuti dalla fine e  un Payet trasformato rispetto al primo tempo raddoppia a tempo scaduto, smarcato da un lancio di fantascienza di Pogba, scivolando….. A proposito sono caduti un po tutti i francesi a causa di tacchetti sbagliati ; va bene lo sponsoring ma consiglio una visita al manto erboso prima del fischio d’inizio.

Dopo una settimana di patemi nazionali con il “pogba gate” finalmente avremo una settimana di quiete; sempre restando il fatto che Paul Pogba per convincere pienamente sembra debba fare 6 tunnels, 3 slalom in area, 2 goals di cui uno in rovesciata e 118 recuperi.

Alessandro Salvi