FOTOSTORIA – Juve-Samp + Premiazione Scudetto

di Juventibus |

di Irene Bontà

foto di Valentina Gaglio

Eccoci finalmente giunti al grande giorno, il giorno della premiazione con la coppa scudetto, la quinta negli ultimi 5 anni! Allo Stadium si respira un’aria da pentacampioni, lo scudetto della storia prorompe dal terreno di gioco come un grande Graboid della saga dei Tremors, incubo ormai del popolo antijuventino italiano.

Screenshot 2016-05-21 09.12.48

Durante il riscaldamento i nostri eroi mostrano la serenità e la spensieratezza dei campioni d’Italia, di chi è consapevole di aver dato vita ad un’impresa incredibile. Il polpo sfoggia una capigliatura stravagante, ispirata al manto zebrato.

Screenshot 2016-05-21 09.12.57

Gigione, che oggi lascia il posto a Neto a difesa dei pali, presidia il riscaldamento prepartita e si gode la sua curva durante l’inno, cantando e sorridendo ai tifosi.

Screenshot 2016-05-21 09.13.06

Poco dopo viene premiato come miglior giocatore dell’annata, a dimostrazione che l’anagrafe non conta quando il DNA che ti porti dentro è quello di un vincente numero 1.
All’ingresso in campo delle squadre i nostri arrivano contornati dai figli, di tutte le età. Il Chiello, quest’oggi capitano, entra con Nina ed un pinguino peluche.

Screenshot 2016-05-21 09.13.18

Pereyra si abbraccia il piccolo Maxi Junior frastornato dal calore dello stadio, mentre il profeta è contornato da un intero asilo nido di figli.

Screenshot 2016-05-21 09.13.26

“Poche squadre sono entrate nella storia, solo una è leggenda!” ricorda la sud.

Screenshot 2016-05-21 09.13.35

La partita di oggi è una formalità, il polpo e suo fratello acquisito Dibi si scambiano la mano per sancire un’alleanza fraterna.

Screenshot 2016-05-21 09.13.45

Pronti, via! Ed è subito mucchio selvaggio, il nano volante Evra sbuca sul secondo palo dopo un cross proveniente dalla trequarti di sinistra e buca il povero esordiente Brignoli.

Screenshot 2016-05-21 09.13.57

Dopo essere stato travolto dai compagni e ridotto a mo’ di frittata spiaccicata, il povero francese viene pure preso a patte dal polpo, che oggi ha deciso di sfogare tutta la sua felicità sulla nuca di chi segna.

Screenshot 2016-05-21 09.14.07

Dopo pochi minuti è Marione ad entrare in area avversaria e a procurarsi il rigore. Si incarica della battuta il piccolo Dibi che, con un colpo da cecchino, tira un rigore perfetto all’angolino basso a fil di palo e supera il record di gol stagionali di Carlitos al primo anno di Juve.

Screenshot 2016-05-21 09.14.16

Non contento si scatena e dopo qualche tentativo dalla distanza, gonfia di nuovo la rete alle spalle di Brignoli per la doppietta personale. Per festeggiare tutto questo ci regala la foto dell’anno venendo ad esultare in scivolata proprio sotto di noi.

Screenshot 2016-05-21 09.14.27

Grazie Paulo, ci divertiremo molto insieme nei prossimi anni. Adesso però alzati, non è il momento di prendere il sole.

Screenshot 2016-05-21 09.14.37

Anche il polpo si complimenta di nuovo con lui, presentandosi alla stretta di mano con il fare di un professore universitario che congeda un neo laureato.

Screenshot 2016-05-21 09.37.32

In quei complimenti c’è tutto il popolo juventino, speranzoso di avere sotto gli occhi la coppia del futuro, due campioni che faranno grande la Juve che verrà.

Screenshot 2016-05-21 09.14.50

Screenshot 2016-05-21 09.15.06

Si va all’intervallo, in tribuna il Viperetta scalpita, ha già capito che oggi non c’è trippa per gatti. La Juve è affamata ed è pronta a ridurre in brandelli una deludente Samp.
Rientrati dagli spogliatoi, il Chiello ci regala il suo unico gol di una stagione travagliata e martoriata dagli infortuni. Da un cross respinto, fa partire una randa di controbalzo sotto l’incrocio dei pali, che rischia di bucare la rete della porta a Nord. Che grinta!

Screenshot 2016-05-21 09.15.20

C’è tempo per festeggiare anche per Bonny, anche lui sugli sviluppi di un calcio d’angolo, lesto ad arrivare su un pallone spizzato di testa da Alvaro, come un rapace dell’area di rigore. Anche lui si merita quindi uno schiaffetto, o “storciodiollo” come direbbe il labronico mister, da parte del polpo.

Screenshot 2016-05-21 09.15.37

Rifilata la cinquina alla povera Samp, finalmente è il grande momento della premiazione.

Screenshot 2016-05-21 09.40.45

Lo speaker annuncia i nostri campioni, che fanno il loro ingresso in campo con i propri cuccioli al seguito.

Screenshot 2016-05-21 09.22.44

Nella festa ci sono anche momenti agrodolci, come il saluto di Martin, che a fine stagione, dopo 5 scudetti consecutivi, non sarà più con noi ed affronterà nuove avventure. Grazie di cuore Pelado!

Screenshot 2016-05-21 09.23.03

Uno dopo l’altro entrano tutti, tra i boati del pubblico.

Screenshot 2016-05-21 09.23.13

Screenshot 2016-05-21 09.23.26

Screenshot 2016-05-21 09.23.37

Screenshot 2016-05-21 09.23.47 Screenshot 2016-05-21 09.24.09

 

Il boato più fragoroso è ovviamente rivolto al talismano Padoin, ormai idolo incontrastato ed imprescindibile della tifoseria juventina.

Screenshot 2016-05-21 09.48.33

È il turno del mister, Khedira lo accoglie indicando il tabellone, come a rendergli tributo.

Screenshot 2016-05-21 09.24.32

Lui entra e se la ride, non sa cosa lo attende sul palco.

Screenshot 2016-05-21 09.24.43

La squadra, dopo aver fatto cerchio intorno a lui, lo ringrazia menandolo e suonandogliele di santa ragione.

Screenshot 2016-05-21 09.24.52

Infine, eccoci al momento tanto atteso. Entra il capitano!

Screenshot 2016-05-21 09.25.05

Il buon Gigi sbologna in stile pacco postale l’ultimo arrivato in casa Buffon al figlio maggiore e si appresta ad alzare la luccicante coppa scudetto.

Screenshot 2016-05-21 09.25.17

Alzala al cielo Gigi, più in alto che puoi! Ce la meritiamo, quest’anno più che mai, dopo aver rubato sì, ma i sogni degli altri!

Screenshot 2016-05-21 09.25.36

Come di consueto, ci godiamo il tripudio da dietro, provando il punto di vista tutti gli antijuventini sparsi nel mondo: una visione della squadra campione laddove non batte il sole o che dir si voglia laddove la schiena cambia nome.

Screenshot 2016-05-21 09.25.46

Oggi tutto è concesso, persino che i minori si sbronzino con lo spumante.

Screenshot 2016-05-21 09.25.58

Bevono tutti dal calice degli dei, dal calice della battaglia e della vittoria.

Screenshot 2016-05-21 09.26.08

Screenshot 2016-05-21 09.26.21

Screenshot 2016-05-21 09.26.31

Screenshot 2016-05-21 09.26.40

Tutti hanno contribuito a rendere questa annata speciale ed a loro va tutto il nostro ringraziamento e la nostra gratitudine.

Screenshot 2016-05-21 09.26.49

Screenshot 2016-05-21 09.27.42

Grazie ragazzi, grazie di cuore! Sempre a testa alta!

Ed ora alla conquista di Roma!