Fiorentina-Juve 0-3: voi, sempre più viola di rabbia

bentancur

Leggi il risultato, vinci in casa della Fiorentina con uno scarto del genere, e pensi che sia stata una serata di gloria pura: no, non è stato così, non lo è stato sino al gol di Giorgione Chiellini. E’ stata ingenua la Juventus stasera perché si è fatta attirare nel clima di caccia all’uomo imposto dalla Fiorentina, complice anche un arbitraggio forse spaventato di Orsato dopo le tante critiche di questi mesi, ma è stata incredibilmente cinica, al netto di quello che però sta diventando un problema serio: non si segna su punizione, nonostante le tante occasioni avute in questo senso. Senza Pjanic, stasera sono stati Ronaldo e Dybala a sprecare le tre palle avute, forse addirittura quattro, nessuna eccessivamente pericolosa.

Il primo gol è una dolce conferma: Rodrigo Bentancur sta diventando un valore aggiunto di questa squadra, il suo inserimento condito dal sinistro beffardo ha rara bellezza, ma è solo la ciliegina su una torta saporitissima che è il suo percorso di crescita. Forse aiutato dai problemi fisici dei compagni di reparto, ma è un’esplosione per gradi che sta dando ampio respiro a mister Allegri. Forse stasera il mister avrebbe potuto disegnarla diversamente la squadra considerando qualche problemino qua e là soprattutto in impostazione prima, in copertura dopo: straordinari per i centrali dietro, attenti loro, attento Szczesny quando chiamato in causa.

A proposito di centrali attenti, applauso particolare al già citato Chiellini: il suo gol è di una pesantezza clamorosa, arrivato nel momento migliore dei viola, più volte vicini al pari per lo meno potenzialmente. Certo, non si capisce come al VAR ci abbiano messo tanto a notare la regolarità dell’azione, ma vabbè, ormai è un atto dovuto esultare in differita. Un atto dovuto è anche vincere e mettere pressione agli inseguitori: missione compiuta, 0-3 al Franchi, mica roba da tutti, a maggior ragione considerando cos’è Fiorentina-Juve a Firenze. Per loro la stagione finisce praticamente già qui, la Vecchia Signora si spera che stavolta sappia andare fino alla fine ed anche al di là.