Chiesa post Milan-Juve: “Vincere a Milano non è un sogno, ma un nostro dovere”

di Valerio Vitali |

federico chiesa

Parole che sono indice di maturità e consapevolezza quelle di Federico Chiesa nell’immediato post Milan – Juve. Il numero 22 bianconero è conscio del peso della maglia e della “mission” della squadra, che non cambia mai anno dopo anno. Queste le parole dell’esterno ex Viola rilasciate a JTV: “La vittoria contro il Milan non era un sogno. Era quello che dovevamo fare, perché nella lotta scudetto dobbiamo vincere ogni partita. Ci facciamo i complimenti e siamo orgogliosi fino a stasera a mezzanotte per aver sconfitto una squadra preparata e imbattuta da più di un anno, ma poi dobbiamo mettere la testa sulla prossima partita contro il Sassuolo per portare altri 3 punti a casa”. 

Per Federico Chiesa ennesima prova convincente in cui è stato determinante sia ai fini del tabellino che nello scacchiere tattico studiato da Pirlo prima della gara. Si è dimostrato un calciatore pronto già nei big match e le partita contro Atalanta e Dynamo Kiev ne sono la riprova. Un calciatore che si è ben inserito e che si sta palesando per quello che gli era stato richiesto sin dall’inizio dal tecnico bresciano. Saltare l’uomo nell’uno contro uno, entrare con forza nel centro del campo e creare densità in area avversaria. Rivolgendo il pensiero a tre mesi fa, ovvero sia a quando è arrivato a Torino, Chiesa sta facendo quello che ci si aspettava nelle ultime stagioni da Douglas Costa.

Il brasiliano, che non sta facendo faville nemmeno al Bayern, ha pagato indubbiamente lo scotto della fragilità dei suoi muscoli ma anche di un tipo di gioco che non sarebbe stato adatto a lui. Calza invece a pennello per Federico Chiesa. Il 23enne italiano fino a questo momento sta ripagando le aspettative e, soprattutto, il costo del suo cartellino, tutt’altro che economico. Reggere il peso di un trasferimento simile e il passaggio dalla Fiorentina alla Juventus non è cosa da tutti (Bernardeschi insegna), così come non lo è reggere la pressione di un gruppo squadra chiamato alla vittoria, sempre e comunque. Nelle sua dichiarazioni a caldo post Milan – Juve si evince pero’ che il ragazzo è già completamente inserito nelle dinamiche psicologiche e non solo tattiche di questa squadra.