Fake Eleven (21.07): Matic consolida il 343 del doppio ibrido

di Jacopo Azzolini |

matic

Questo appuntamento settimanale è strettamente legato agli ultimi sette giorni di mercato: ogni volta, ipotizzeremo l’undici della Juventus coi nomi più caldi rimbalzati su giornali, siti e agenzie di stampa. Quindi, un modo per parlare di calcio restando nell’attualità, commentando il concreto inserimento dei vari giocatori “chiacchierati”  all’interno della rosa di Allegri.

 

Allegri e la società decidono di continuare con il 343 “ibrido” di fine stagione, adoperandosi per renderlo più efficace e superarne i limiti strutturali che si sono visti nella finale di Cardiff. Spazio e responsabilità a Rugani come regista difensivo, più due innesti di grandissimo livello come Matic e Douglas Costa.

matic

 

PRO: Tanta qualità in ogni angolo del campo: Dybala e Higuain possono essere aiutati di più dalla squadra e agire in posizioni consone. La catena mancina Alex Sandro-Douglas Costa fa brillare gli occhi, mentre Matic si candida per essere uno dei migliori partner possibili per Pjanic: la grande capacità del serbo nel presidiare la propria trequarti può consentire all’ex Roma meno limitazioni in fase di non possesso. Cuadrado, inoltre, per quanto abbia meno qualità globale di Dani Alves, tende a coprire di più le tracce esterne, dando la possibilità a Dybala di non defilarsi troppo. Va infinite segnalato che la flessibilità del colombiano può portare la Juve ad adottare più moduli nel corso della singola gara, passando dal 442 al 532. Insomma, esattamente ciò che è avvenuto nel finale del 2016-2017.

 

CONTRO: Si attende un netto salto di qualità e personalità da Rugani, che ora avrà le chiavi della retroguardia in praticamente ogni partita. Se in non possesso si terrà la linea difensiva a 4, andrà valutata la capacità di Barzagli nel sapersela ancora cavare come terzino atipico (si potrebbe comunque schierare un De Sciglio che ha iniziato la carriera da centrale di difesa: potrebbe ricoprire bene questo ruolo flessibile). Douglas Costa, poi, si preferisce giocare in un 442 che non in un 433, visto che incide maggiormente giocando più largo e partendo da zone leggermente più arretrate.