Era più go’ de Turone! (Il solito complotto, Orsato edition)

di Massimo Zampini |

Szczesny

Juventus-Roma è il solito sonetto, il solito complotto, l’ennesimo poemetto poco epico e molto tragicomico del tifoso romanista.


Io stavorta ‘n c’ho paura,
te lo dico con un ghigno,
perché tu vendi Ronardo
mentre qui ariva Mourinho!

Me fai quasi tenerezza,
tu nun batti più nessuno:
manco Empoli-Udinese…
Sta finendo ‘r mio digiuno!

Famme aprire quer giornale,
dimme ‘n po’ la formazione!
Oh, ‘n ce sta mezza notizia,
tutto sur go’ de Turone…

Forse manca pure Abram,
temo l’arbitro e la sfiga:
poi l’inglese se rimette
sta a vede’ che ve castiga…

Poi l’assenze ce l’hai te
co’ Dybala e co’ Morata,
ma davanti Chiesa-Orsato
è ‘na coppia collaudata.

Daje ridi, sto a scherza’,
stavo a fa’ ‘n po’ de folclore!
Anzi ho ‘n solo desiderio:
vojo ‘n carcio de rigore!

Mentre leggono le squadre
io stavorta ‘n batto ciglio:
oddio, me scappa ‘n soriso,
quanno nomina De Sciglio!

Daje, che grande partenza,
dai, spezzamo sta routine!
Sì ma manco è cominciata
e qui ha già segnato Kean…

Chiamo a casa disperato:
c’era ‘n fallo? N’ fuorigioco?
Ma me dicono: “’n c’è niente,
guarda, Orsato c’entra poco”…

Io però nun me scoraggio,
canto con maggior ardore,
e continuo cor mio sogno:
vojo ‘n carcio de rigore!

C’è l’inglese ‘n contropiede,
oh, Danilo je fa’ fallo,
oh, l’armeno è annato giù,
oh, ma questo devi dallo!

Io m’abbraccio co’ l’amici,
perché indica ‘r dischetto,
e li guardo come a dije:
oh, ma che v’avevo detto?

Loro guardano l’inglese
mette dentro quer pallone,
sì ma l’arbitro ha fischiato
dai, nun conta quell’azione…

Oh, me pare ‘n po’ eccessivo
che mo’ famo sto clamore
pe’ ‘na vorta che ce danno
‘n santo carcio de rigore!

Più che artro guardo i nostri,
che ora stanno a litiga’,
e se strappano ‘r pallone:
oh, ma chi lo va a tira’?

Oh, c’è ‘n carcio de rigore!!!
Quanno ce capita più?
Vojo uno sur dischetto!!!
Daje, forza Veretout!!!

È ‘n momento commovente,
stamo tutti qui abbracciati
un rigore qui allo Stadium,
nun ce semo abituati!

Chiudo l’occhi, prego forte
e me sfonno de tabacco…
sento l’urla dello stadio:
l’ha parato quer polacco…

Manca ‘n tempo, ma capisco
ch’anche oggi è già finita
ch’anche oggi dirò solo
“dai, amo fatto la partita!”

Basta, io nun je la faccio,
da sto stadio vojo usci’:
ore me rimane solo
il mio eterno piano b!

Chiamo casa, supplicando:
“aiutateme, sto cotto!
Che, me date quarche spunto?
Ho bisogno de’n complotto!”

E da casa ariva l’assist:
“era go’, più de Turone!
Quello ci ha dato rigore
pe’ nun faje entra’ r pallone”…

Daje, provo co’ sta scusa
Anche se nun me convince
L’arbitro ce da’ rigore
popo pe’ nun facce vince?

Poi m’ariva ‘na chiamata,
co ‘n’aria da funerale:
oh, te devi tene’ forte
ma ce dice popo male,

er suo tono se fa triste,
dice: “nun devi mollare
ma pe’n mani dell’armeno
er go’ era da annullare!”

E ‘n se po’ fa’ ‘n telebeam?
Nun se po’ modificare?
Dai te prego, fai quarcosa,
io me devo lamentare!

Me risquilla ‘r cellulare,
Dice: “daje, t’ho sarvato!
Hai presente quel rigore?
C’è n’ingresso anticipato!”

Nun capisco che sta a di’,
dice: “c’avemo ‘r pretesto!
Quer bastardo de Chiellini
entra in area troppo presto”…

Qui me crolla ‘r monno addosso:
io davero me sto a abbatte…
io speravo ner complotto
e sto al rigore da ribatte…

Io lo so, dentro lo stadium
c’è ‘no spirito maligno:
perdo pure co’ sta Juve
perdo pure co’ Mourinho!

E pensare ch’er mio sogno
‘n’era mica ‘r tricolore:
aspettavo da ‘na vita
solo ‘n carcio de rigore.