Er solito complotto – È stato ‘r piede de De Sciglio

di Massimo Zampini |

Roma-Juventus ormai non è più una semplice partita di calcio ma solo un gigantesco pretesto per l’ennesimo, incredibile, sempre più godurioso sonetto “Er Solito Complotto”, come da tradizione ultradecennale.

Ecco il sonetto del rocambolesco Roma-Juventus 3-4 del 9 gennaio 2022:

 


 

Oggi dai, nun vojo scherzi,

oggi vojo ‘n’artro pijo:

in attacco fanno ride

e ‘n difesa hanno De Scijo…

 

La partenza me commove

e soddisfa le pretese:

dominamo e li purgamo

co’ la testa dell’inglese!

 

Uno a zero e continuamo:

ch’emozione quest’avvio!

Oh, de Ligt ce va de mano,

questa è la mano de Dio!

 

Perché mo’ i casi so’ due:

o rigore o c’è ‘r complotto…

Io nun so che preferire

e comunque godo ‘n botto!

 

Tacci sua nun ce l’ha dato,

forse mejo, quasi quasi…

perché vinco o me lamento:

io trionfo in tutti i casi!

 

Sta partita m’emoziona

ma ad un tratto me pugnala:

questi fanno mezza azione

e prodezza de Dybala…

 

Poi se rompe pure Chiesa,

daje, metti Bernardeschi!

Anzi, ce va pure mejo:

questo mette Kuluseschi!

 

Ripartimo ancor più forte,

questa squadra c’ha ‘r veleno,

e De Scijo fa autorete

su tiraccio dell’armeno!

 

Sì ma noi nun se fermamo,

ma che go’ de Pellegrini!

Daje, mo’ vojo godemme

er sonetto de Zampini!

 

Mamma questi come stanno

Peggio de come pensavo!

Un trionfo così netto

quanto me lo meritavo!

 

Sai che mo’ nun me ricordo

dei successi così belli?

Proprio mentre lo sto a di’,

ecco ‘r go’ de Locatelli…

 

Daje che nun c’è problema,

oggi noi semo pazzeschi,

no dai, nun me di’ ch’è vero,

pure ‘r go’ de Kuluseschi…

 

Daje dai che l’ha annullato,

anzi no, era regolare,

sto tre pari co’ ste seghe

nun so proprio più che fare!

 

Pareggiare co’ sta Juve,

manco più me meravijo,

no, nun dimme che davero

ha segnato anche De Scijo…

 

Daje sto su Scherzi a parte,

è ‘no scherzo uscito male,

dar tre a uno, ‘n sei minuti…

mo’ qui pare ‘n funerale!

 

Fermi, è mano de de Ligt,

dai, l’ho vista pure io!

Che t’ho detto pure prima?

Questa è la mano de Dio!

 

È rigore, pure rosso!

Daje, pure l’omo in più!

Oh, stavorta niente scherzi:

sta’ lontano, Veretout!

 

Daje forza Pellegrini,

segna e poi tutti n’attacco…

Sento odor de cinque a quattro!

Noooo, l’ha preso quer polacco!

 

Ma Lorenzo è ancora lì,

pronto pe’ la ribattuta…

Sbaja pure a porta vota!

Oh, ma che se l’è venduta?

 

Vincevamo pe’ tre a uno,

poi ‘n rigore, n’espursione,

e perdemo anche così,

nun creamo ‘n’occasione…

 

Nun c’avemo manco scuse

qui nun c’è manco n’appijo,

artro che mano de Dio,

è stato ‘r piede de De Scijo!

 

 

 


 

 

ECCO IL VIDEO INTEGRALE DEL SONETTO!