E se… un anno di Sarri alla Juve!

di Sandro Scarpa |

Giorni di delirio con i “giornalisti seri”, quelli che ridevano alle news di Ronaldo (“mendesata” “a pagina 22″, “sciocchezze”), e confermavano Allegri al 100% (“Le purghe di Max” “Rinnovo, ecco i dettagli”) che ora danno Lezioni di Giornalismo, e i pro-Guardiola che si leccano le ferite (e contano i milioni dell’aggiotaggio).

Ora invece è tempo di Sarri, Sarry, Sarrismo, Sarrimania o semplicemente Maurizio O’ Comandante.

Come sarà questo primo anno di Sarri alla Juve? Proviamo ad immaginarlo (fin troppo semplice) reazione per reazione, post per post, un caffè e una sigaretta dopo l’altra.


20 Giugno 2019: Tutto vero, Maurizio Sarri presentato ufficialmente!

Niente più Adidas e Maserati a pagare lo stipendio di Guardiola, per l’occasione la conferenza è griffata dai nuovissimi sponsor “Bialetti“, “Caffé Kimbo“, “Givova“, “Algida” col suo Calippo Sarri e “Nazionali morbide senza filtro”.

Sarri sbarca arriva alla Continassa con una fiammante Duna personalizzata, dove sono già pronti stand di caffè bollente e gentili hostess che distribuiscono stecche di sigarette e tagliaunghie.

 

Intanto arrivano migliaia, centinaia, decine, due tifosi Juve in delirio in stato confusionale a cui è arrivato un audio whatsapp: “Presentazione di Pep oggi alle 10.30, fonte sicurissima mio cuggino“.

L’accoglienza trionfale sorprende un simpatico giornalista di fede nerazzurra!

Dopo anni di battute e sfottò sul Sarri Comandante del Napoli contro il Palazzo arriva il commento del portavoce del popolo bianconero che dalle spiagge greche rianima un ambiente un po’ abbacchiato:

Sarri alla Juve è un shock totale, per i tifosi Juventini che vanno dall’esaltazione per il belgioco tanto atteso, alla rabbia per il downgrade, la tuta ed il dito medio. Rivoluzione copernicana nel calcio italiano, cambia tutto!…Tranne il modo di raccontare il calcio.

Alcune cose restano le stesse e, nella più ovvia delle piroette a 360° (come per CR7) anche gli strenui difensori sarristi cominciano una nuova era:

 

Ma i riposizionamenti avvengono anche in casa Juve, dove il direttore di JTV sfodera inedite simpatie.

 

Se a Torino si cerca di ridere con scarsa convinzione a Napoli, dopo aver rimosso targhe e busti di Sarri, dopo aver bloccato uscite di libri e film a lui dedicati, continua l’opera di rimozione totale dell’ex-tecnico:

 

Mentre molti si riposizionano il nostro Leader e Guru resta incrollabile nelle sue convinzioni:

 

Inflessibile contro la corrente Momblano si erge un gigante del giornalismo sportivo italiano che dopo un richiamo alla giustizia, spara la sua previsione avvalorata da calcoli scientifici inoppugnabili:

 

Il Re dei moralizzatori anti-guardiolisti invece è impegnato a ricevere lodi dai suoi fan (?):

Tornando invece a penne di maggiore spessore, la chiosa è sempre quella poetica e tardo-adolescenziale del grandissimo Pierluigi Pardo:

 

Per la presentazione di Sarri ritorna fugacemente sui social anche il suo predecessore con una considerazione agrodolce:

 

 

Intanto il Napolista che aveva lanciato in grande stile il Libro su Sarri, è costretto a modifiche repentine e grossolane sulle copie ancora invendute in libreria:

 

 

Anche la Gazzetta accoglie a modo suo CR7, ma il pensiero va subito al VERO Ronaldo…:

 

Cosa accadrà poi nel corso del primo anno di Sarri? Già tutto scritto:

La pre-season disastrosa è fotografata proprio dalla Gazzetta:

che rilancia con il solito ANNO DELLE MILANESI:

e il CorSport che rilancia col solito ANNO BUONO DI NAPOLI E ROMA:

 

Si arriva così al classico titolone mannaia di TuttoSport che segna l’abisso della crisi Juve:

 

 

 

Qualche mese più tardi, la Juve di Sarri ingrana davvero e la storia si ripete…:

 

Ma come nella tradizione del calcio italico, la Juve, anche con Sarri emblema della lotta al Palazzo, ha noie giudiziarie!

 

Anche a Napoli Sarri torna da vincitore, come prima di lui Higuain: prima le speranze poi l’amarezza:

 

 

E arriva puntuale il commento dell’imparziale MegaDirettore dello Sport sul servizio pubblico:

 

 

Ovviamente vista l’incredibile giustizia subita, si scomoda anche anche i poteri forti:

Sarri porta la Juve ad un incredibile e inaspettato duplice trionfo: Scudetto e vittoria in finale di Coppa Italia contro la Roma, che però in Rai non prendono bene:

Ancora una volta, dopo il caso Benatia, i tifosi sono indignati, il mondo condanna il gesto e in questo oceano di indignazione arriva puntuale l’ottimo Marco Mazzocchi di RaiSport a spiegare tutto:

 

Arriva la finale di Champions: Juventus-City, Sarri contro Guardiola. Ma la vigilia in casa Juve è movimentata:

Arriva così la profezia terribile di Caressa:

E invece no! Si avvera il sogno, finalmente con Sarri e CR7 la Juve ri-vince la Champions, è sul tetto d’Europa, trionfo e giubilo, Finalmente è TRIS!

Finalmente i quotidiani possono rispolverare un vecchio titolo, forse troppo affrettato qualche anno fa:

Così, mentre Sarri dedica l’ennesima Coppa Europea ai tifosi del Napoli, mentre lo sceicco del City offre ad Agnelli Guardiola, Cancelo e Koulibaly per avere il tecnico bianconero, l’indomani, la Gazzetta celebra a suo modo il leggendario avvenimento:

 

 

Altre Notizie