Dybala, Chiesa, McKennie, le prospettive di recupero

di Milena Trecarichi |

Stamattina presso un JMedical, particolarmente affollato, tanto da sembrare un ospedale di guerra, Dybala, Chiesa e Mckennie hanno svolto le visite mediche.

Le immagini di una Joya claudicante davanti al centro medico, non lasciavano presagire nulla di buono, invece come recita il comunicato ufficiale, l’argentino ha riportato “una lesione di basso grado del legamento collaterale mediale del ginocchio sinistro, con tempi di recupero previsti di circa 15/20 giorni.”

Un sospiro di sollievo, in quanto poteva andare decisamente peggio, ma resta comunque una tegola per Andrea Pirlo, visti gli impegni difficili e ravvicinati che attendono i bianconeri e un attacco numericamente scarno, che vede sì il rientro di Morata, ma il centravanti spagnolo è alla ricerca della forma migliore, dopo l’infortunio muscolare che l’ha tenuto ai box un paio di giorni.

Quante e quali partite salterà la Joya?
Rispettando la tabella di marcia(out 20 gg), cercando comunque di non forzare i tempi, per evitare ricadute pericolose, il rientro per Dybala dovrebbe essere previsto tra fine gennaio e i primi di febbraio, in vista di Juventus-Roma. L’argentino salterà quindi la Coppa Italia, l’attesissimo Derby d’Italia del Meazza, la Supercoppa contro il Napoli, la sfida casalinga contro il Bologna e verosimilmente anche la trasferta di Marassi contro la Sampdoria.

Inutile ribadire la necessità di accelerare per la Juventus, sul mercato, per reperire un attaccante. Il vero sospiro di sollievo, Pirlo potrà tirarlo sul fronte Mckennie-Chiesa. Come si legge dal comunicato Juve, per entrambi “si escludono lesioni e le condizioni saranno monitorate di giorno in giorno.”

La Juventus cercherà di recuperare entrambi per la delicatissima sfida di domenica sera, contro l’Inter, lasciandoli fuori precauzionalmente in Coppa Italia contro il Genoa.


JUVENTIBUS LIVE