Dove lo metto Adrien Rabiot?

di Michael Crisci |

Adrien Rabiot negli ultimi 5 anni ha fatto spesso capolino nelle cronache juventine. Prima come giovane gioiellino, poi come colonna del Paris Saint Germain, poi come scarto, e adesso come parametro 0. E’ di questi giorni la notizia che Rabiot, accompagnato dalla madre manager, abbia parlato con Fabio Paratici, l’uomo del mercato bianconero. Di sicuro, dal punto di vista economico, Rabiot sarebbe quasi manna dal cielo, permetterebbe un enorme risparmio di denaro, e ne avevamo parlato qui

Ma una volta arrivasse il giovane classe 95 francese, dove potrebbe essere schierato?

Rabiot non ha un ruolo naturale ben definito, visto che la sua duttilità lo porta a essere un jolly buono per ogni evenienza: nel 4-3-3 di Sarri, potrebbe agire da pendolo, sia a destra che a sinistra, come mezzala in appoggio al regista (Pjanic). Grazie alle sue lunghe leve, Rabiot è dotato di un notevole recupero palla, e questa attitudine difensiva lo porta spesso ad agire come un centrocampista moderno box to box. Sarri in lui potrebbe rivedere l’Allan del Napoli, ovvero un centrocampista bravo nel recupero palla e nella progressione

Ma nel 4-3-3 Rabiot potrebbe agire anche come centrale, sia basso che alto: nel primo caso potrebbe sfruttare le sue abilità da playmaker (visione di gioco, lancio lungo), e soprattutto potrebbe inserirsi con maggiore facilità in area di rigore, come dimostra il gol segnato al Real Madrid nella Champions 2017/2018:

Rabiot parte in posizione centrale, segue l’azione, si inserisce alla perfezione tra Modric e Isco, e raccoglie immediatamente l’assist di tacco di Neymar, andando in gol

mentre nel secondo, sempre grazie alla sua fisicità e una non banale sagacia tattica, potrebbe sfruttarle per andare in pressing sul primo portatore di palla avversario

a 2.08, Rabiot pressa Messi, che sta uscendo dalla propria trequarti in fase di costruzione bassa, e lo induce ad allungarsi il pallone, permettendo a Verratti di triangolare con Draxler e mandare quest’ultimo in gol

Rabiot è dotato anche di una qualità tecnica non indifferente, e questo lo ha portato comunque a collezionare 17 assist nella sua avventura parigina. Quindi, potrebbe non essere peregrina l’ipotesi di vederlo qualche volta da trequartista. Nei suoi trascorsi ci sono gare da mediano in un 4-2-3-1.

Inoltre, grazie alla sua stazza, negli anni, Rabiot si è spesso saputo distinguere anche come difensore centrale

Insomma, quando parliamo di Rabiot, parliamo di un calciatore duttile e utile a ogni evenienza, che può essere utilissimo a Sarri e a qualsiasi altro allenatore al mondo. Ora bisognerà solo attendere, e vedere se Paratici affonderà il colpo o se riuscirà ad assicurarsi uno dei due obbiettivi principali, Pogba e Milinkovic Savic


JUVENTIBUS LIVE