Quattro domande semplici per Allegri, da uno juventino medio

di Riceviamo e Pubblichiamo |

Scrivo a nome di tutti gli juventini medi, che non sono né pro né contro Allegri, che tifano Juve sempre, che sono contenti se la Juve vince indipendentemente dal gioco espresso e quelli a cui se si giocasse un po’ meglio schifo non farebbe.

Che sono grati a Max per i titoli ottenuti e al tempo stesso non pienamente soddisfatti perché, in quanto Juventini medi, tendenti al perfezionismo/narcisismo, nè allegristi, nè antiallegristi.

A nome di tutti questi vorrei fare delle domande al Mister:

 1) Perché se il calcio “l’è una hosa semplice” le lezioni le capiamo solo dopo una batosta?  

Nella vita le cose semplici le apprendi senza bisogno di colpi bassi, sono le cose difficili da accettare e che ti fanno la scorza dura, quelle che puoi apprendere solo tramite un po’ di sofferenza.

Sono d’accordo col Mister, il calcio è semplice, se chiediamo a un bambino di 8 anni “qual è la caratteristica principale dell’Atletico Madrid?” questo ti risponde “L’Intensità“.

Perché abbiamo pensato di presentarci a casa loro passeggiando come turisti che fanno shopping?

 2) Perché dire sempre che sbagliamo tanto “tecnicamente” e i giocatori più tecnici li tieni in panchina?  

Le due frasi più celebri del mister sono “innanzitutto bisogna fare i complimenti ai ragazzi” in caso di vittoria e in caso di prestazioni scialbe “abbiamo sbagliato tanto tecnicamente“.

Io che ho giocato a calcio in categorie inferiori, ho imparato che la tecnica è come la bellezza fisica, ce l’hai o non ce l’hai, puoi leggermente migliorarla, ma Rosy Bindi non sarà mai Claudia Schiffer , Giuliano Ferrara non sarà mai Brad Pitt, come De Sciglio non sarà mai Cancelo, Matuidi non sarà mai Bernardeschi, Mandzukic non sarà mai Douglas Costa ecc..
I primi sono buoni giocatori, dotati atleticamente, capaci gare importanti, ma la tecnica è un’altra cosa.

 3) Perché dici “non abbiamo le caratteristiche per giocare bene“?  

Badiamo al sodo, a tutti noi piace vincere, ma queste parole che ogni tanto il nostro mister dice mi lasciano basito, non posso credere che una squadra con Alex Sandro, Bonucci, Cancelo, Pjanic, Douglas Costa, Bernardeschi, Dybala e CR7 non abbia possibilità di esprimere un’idea di gioco complessiva che vada oltre l’avere “una buona base difensiva e poi là davanti qualcosa inventano

 4) Perché dici “i titoli si vincono sempre con la miglior difesa“?  

Quest’affermazione è parzialmente corretta, il campionato italiano si vince con la migliori difesa, la Champions no, vince sempre chi fa un gol in più dei rivali, e mette i propri attaccanti nelle condizioni di farlo, non a caso alla Juve e allo stesso Atletico, una volta arrivate in fondo, manca sempre il centesimo per fare una lira.

Sono certo che sotto a quest’articolo si aggiungeranno tanti altri juventini come me, senza troppe pretese ma con tanta voglia di capire e soprattutto domandare

Learn from yesterday, live for today, hope for tomorrow. The important is not to stop questioning.
(Impara da ieri, vivi per oggi, spera per domani. L’importante è non smettere di farsi domande.)
Albert Einstein

di D.D.D. “uno juventino medio