De Ligt sul podio dei più grandi acquisti bianconeri

di Leonardo Dorini |

L’acquisto di Matthijs de Ligt ha tutta l’aria di essere il colpo dell’estate: lo è sicuramente in Italia, e sarà certamente fra i principali trasferimenti nel mercato dei primari campionati europei; l’accordo è stato come noto di 75 milioni di euro per il cartellino del giovane olandese e ulteriori 10,5 milioni di oneri accessori che portano il valore di carico a 85,5 milioni.

Come si colloca questo acquisto fra i grandi colpi di mercato della Juventus? Siamo andati a spulciare nelle varie fonti ed abbiamo stilato una sorta di classifica sulla base del valore di acquisto, rivalutati con l’indice ISTAT: il centrale ex Ajax si colloca sul podio, e regge agevolmente il confronto con la rivalutazione dei prezzi pagati in passato per i grandi giocatori arrivati a Torino.

(Elaborazione Juventibus su dati di varie fonti pubbliche)

Certamente, ciò che balza all’occhio è il valore molto elevato degli acquisti più recenti, in rapporto a quelli più datati, sia pure rivalutati: l’unico che tiene il confronto è Gigi Buffon, con i suoi 52 milioni di Euro che oggi si rivalutano in 70; ma de Ligt vale otto volte un suo illustre predecessore, Fabio Cannavaro, e il 50% in più di un altro grande campione del mondo e difensore bianconero, Lilian Thuram. E Baggio si rivaluta, sì, ma arriva a due terzi del valore di Pjanic, mentre se passiamo ai numeri 9 Ian Rush è lontano anni luce dal Pipita Higuain, che è solido al secondo posto di questa classifica dietro l’inarrivabile CR7.

E’ una bolla speculativa? Non direi: è invece più probabile che il calcio, anche in Italia, stia diventando un’industria “vera”: le linee di ricavo si ampliano, ci sono nuovi filoni da sfruttare, fra entertainment, sponsorizzazioni, merchandising e diritti TV. E i valori seguono questo trend.

Andamento del Fatturato Juventus FC 1999-2018 – Fonte: www.juventus.com

D’altra parte, se rimaniamo in casa Juventus, l’andamento del fatturato ha visto il trend entusiasmante riportato nel grafico, ed è  aumentato in media, negli ultimi 20 anni, ad un tasso annuo composto (CAGR) di poco meno del 10% costante ogni anno. E pertanto è del tutto naturale che i valori dei principali assets di un Club calcistico – i calciatori – seguano la stessa dinamica.


JUVENTIBUS LIVE