Dani Alves, categoria Milf

di Riceviamo e Pubblichiamo |

Dani Alves

La storia d’amore tra la Juve e Dani Alves. O meglio: di come la Juve si sia innamorata di Dani.

Con Dani è una storia un po’ cosí, come quando ti innamori di una donna molto più grande di te. Subito non ti dai grande speranza. Insomma, tu hai sì qualche esperienza, ma in fondo sei ancora un pischelletto appena svezzato. Per provarci ci provi eh, ma non sai di preciso cosa chiedere. Invece Dani, eh si, Dani è uno che ci sa fare. Grande esperienza, grandi traguardi, sa tutti i trucchi del mestiere per farti godere. L’attesa ti toglie il sonno, già pregusti nottate di passione, vette di piacere mai raggiunte prima. Così, al primo incontro, decidi di farti prendere per mano e farti indicare la via del Paradiso.

 

Eppure, nonostante i proclami, non scocca la scintilla. Certo, Dani dimostra di saperci davvero fare, mette subito in mostra il meglio di sé. Ma a te saltano agli occhi soltanto i difetti. Delle smagliatura di troppo, qualche ruga che fa capolino su viso. Ti avevo raccontato tanto bene di sto Dani, ma visto da vicino non è  granché. L’impressione è che non si stia impegnando più di tanto, è lì per farti un favore, giusto perché a casa, sul divano, si sarebbe annoiato. E così vi trascinate un po’. Dani continua a farti grandi promesse di un radioso futuro insieme, ogni tanto rivedi qualche sprazzo di classe ma, il problema, è che non arriva mai al dunque. Cincischia troppo, si perde in mille formalità.

 

Inizi a spazientirti. È l’ora dell’ultimatum: o ti dai una regolata o le nostre strade si separano! E l’insolente Dani, di tutta risposta, se ne esce con un: “ mi sono rotto (in senso letterale)”. Così per un po’ non si fa vedere, neanche una telefonata giusto per. Cerchi via alternative per sfuggire alla delusione amorosa. Ti rivedi anche con la tua ex Svizzera, all’inizio solo per un caffè, ma poi: ah Nostalgia canaglia! Con Stephania avete passato momenti magici insieme: i primi successi, le prime sgroppate. Quasi ti sei dimenticato perché vi eravate lasciati.  Stephania non è bella, non è simpatica e non è focosa come Dani. Eppure è sempre lì, presente. In ogni evenienza è pronta a dare il suo contributo. Ma che litigate! Stephania si lamenta sempre, per ogni minimo dettaglio è sempre pronta a fare un quarantotto! Però​ è Stephania, le devi molto e ormai ti sei rassegnato a condividere con lei il resto dei tuoi giorni. Dani è solo un ricordo lontano.

 

Ma ecco, quando meno te lo aspetti, durante le ferie di inizio primavera in Portogallo, chi ti appare sul lungomare di Oporto? Eh sì, è proprio lui, Dani! E c’è qualcosa di diverso nei suoi occhi quando ti sorride per salutarti. Ah quel sorriso! Eccolo, il colpo di fulmine! Hai lo stomaco in subbuglio, mai avresti pensato di sentirti così. Dani ti ha stregato il cuore, vivete con passione travolgente ogni incontro, anche il più piccolo, il più insignificante. Ormai siete una cosa sola. Ti sembra di conoscerlo da una vita e che da quel momento in poi non potrai mai fare a meno di Dani.

 

Organizzate anche un tour per l’Europa: Barcellona e Monaco le destinazioni. Quelle sere europee: che sogno, che avventura, che passione. Quest’amore sembra che possa durare per sempre. E invece, durante l’ennesima gita, stavolta a Cardiff, succede qualcosa. Iniziano i lunghi silenzi, le mezze verità, i sospetti e le malizie. Non sai come tutto questo sia potuto succedere eppure, da un momento all’altro, si rompe tutto. Vi date una pausa di qualche settimana, magari la lontananza aggiusta tutto. Al contrario, vedi su Facebook che la sua amica Gonzala le ha scritto qualcosa di strano. Scopri anche che ha  detto alla tua amica Paula che non dovrebbe più frequentarti. Non capisci. Provi a chiedere spiegazioni ma di tutta risposta, Dani ti manda la foto mentre limona con il tuo migliore amico. È rottura, la mandi a quel paese. Dani non se lo fa dire due volte, salta sul primo aereo per l’Inghilterra dove l’aspetta a braccia aperte il suo storico compagno Pep. Tu invece rimani lì, con i tuoi pensieri a rivivere quei mesi di passione sfrenata, di gioia e di dolore. E sai che, anche se ha fatto male, un po’ ti mancherà.

 

Di Fabio