CR7 Today

Oggi non è il giorno dei retroscena, della genesi, del grande crescendo, dei perché è dei percome. Oggi è oggi, 10 luglio 2018, giorno che la catena degli eventi e dei simbolismi e dei messaggi e dei comunicati e delle immagini fissa un nuovo gigantesco paletto nella memoria storica di chi racconterà la Juventus. Oggi è Cristiano Ronaldo lascia il Real Madrid e sceglie di lasciarlo perché sceglie la Juve. 100 milioni più le dovute valorizzazioni a United e Sporting (vale per tutti, come un’operazione qualunque per un giocatore qualunque) e gli oneri, mai come questa volta anche onori, per chi ha garantito e mantenuto saldo il bastone dell’operazione CR7.

***

Oggi era oggi, già ieri sera. Oggi era oggi ancor più questa mattina, quando The Greatest Affair caricava i motori. Si è scoperto quasi subito che la sceneggiatura avrebbe mesciato l’hollywoodiano (con John Elkann planato negli Stati Uniti già dalla domenica con la pratica archiviata) e il neorealismo italiano (con Andrea Agnelli e zainetto in volo informale, con Marotta e Paratici asserragliati e scamiciati dentro Palazzo Parigi – Milano – come se l’Ossessione di Luchino Visconti avesse i suoi Batman e Robin). Ma la Juve è la Juve, e concede l’onore delle armi a un Real ingabbiato all’angolo, questo è il disegno finale: primo comunicato a voi, lettera di Ronaldo a voi e fatevela andare bene, poi mani sciolte per noi. E ci sarà di che gonfiare il petto.

***

Quando? Siamo alle solite. Il dito puntato su lunedì 16 per la presentazione a 360 gradi, apice all’Allianz Stadium, forse anche aperto al popolo. Scopriremo tutto molto presto, chi scrive vorrebbe mettersi dall’altra parte del racconto e scoprirlo insieme a chi sarà disposto all’ennesimo dolce sacrificio. Per esserci. Ma Cristiano Ronaldo sarà da subito un’esperienza a tappe: non escludete che Torino, lei che si liscia i capelli guardando in aria quando il mondo la guarda, accolga il calciatore più celebre del pianeta già tra venerdì e sabato. Eppure qua siamo già oltre: “E non finisce qui”, parole di mercato a massima carica adrenalinica. Ma oggi è oggi, non c’è nessun altro. Anche senza citarlo ancora mi resta una mail che indica la strada: “Grazie, grazie, GRAZIE per questi anni e per questo GRANDIOSO nuovo inizio”. È stato bellissimo, un privilegio, mi fermo qui al cospetto di CR7 e di voi che avete tenuto duro.