La fake di CR7 che trasforma hotel in ospedali

di Roberto Nizzotti |

“Cristiano Ronaldo convertirà i suoi hotel in ospedali e pagherà medici e sanitari contro il Coronavirus!”

FAKE NEWS!

Ieri il quotidiano spagnolo MARCA ha pubblicato una news che ha fatto il giro del mondo: CR7 avrebbe messo a disposizione la sua catena di hotel (Pestana CR7) trasformandoli in ospedali gratuiti e pagando di tasca propria medici e sanitari che che ci avrebbero lavorato. Gesto straordinario, atto di beneficienza enorme, da aggiungersi ai tanti (reali) fatti in carriera. Peccato sia una notizia ovviamente falsa.

Marca ha abboccato ad un post su Instagram che citava una certa Dott.ssa Carvalho, presunta direttrice sanitaria portoghese.

Marca ha cancellato 2 tweet e l’articolo e re-indirizzato uno dei post ad una news sulla diffusione del virus in Serie A.

Da quando è tornato in Portogallo per stare accanto alla madre vittima di un’ischemia, Cristiano è stato protagonista di una serie di fake news che hanno fatto il giro del mondo e permesso milioni di clic e banner pubblicitari.

Prima fake: NON TORNO PIU’! Cristiano non avrebbe avuto più intenzione di tornare in Italia per paura del Covid-19 saltando volontariamente il ritorno di Champions contro il Lione (poi annullato).

Seconda fake: CRISTIANO COMPRA UN’ISOLA PER LA QUARANTENA. Un’intera isola acquistata di fretta e furia per isolarsi con i suoi cari. Fake che poggiava sul precedente del regalo di nozze (reale) al suo agente Jorge Mendes: un isolotto greco.

Ora la terza FAKE, hotel di lusso convertiti in ospedale. Gesto che fa il giro del mondo ma non ha alcun senso pratico: immaginatevi medici ed infermieri, apparecchi sanitari, ventilatori e flebo trascinati nei lunghi corridoi con moquette o i pazienti isolati all’interno di suite lussuose. Molto più sensata una donazione extra-large al sistema sanitario portoghese.

Le fake news in tempo di coronavirus si diffondono in modo virale e così stamattina molti quotidiani e siti in tutto il mondo (a casa nostra La Repubblica, CorSport e TuttoSport) rilanciavano la news che Marca aveva già cancellato e rettificato. Solo pochi giorni fa invece il quotidiano venezuelano EL NACIONAL “informava” invece sulla FALSA positività di Dybala e raccontava di un Higuain sotto strettissima osservazione.

CR7 è un nome troppo ghiotto (così come Dybala) sia per creare disinformazione al solo scopo di trarne pubblicità gratuita, sia per cadere involontariamente (come Marca) nel tranello delle fake.