Controcorrente e contro i nostalgici

di Antonello Angelini |

Andrò controcorrente come al solito. A me il primo tempo della Juventus è piaciuto moltissimo. Ritmi altissimi della partita, palleggio ottimo. Un gol stupendo, il raddoppio salvato sulla linea pochi minuti prima della fine del primo tempo e altre tre palle gol nitide. Lazio non pervenuta. 

Poi la Juventus ha regalato il pareggio con la solita amnesia difensiva su calcio d’angolo e/o relativo cross dalla trequarti. Un cross morbido, senza pretese. La partita è girata e la Juventus è andata in affanno anche a causa dell’uscita di Bentancur, unico centrocampista valido oltre a Pjanic. L’uruguagio è veloce e recupera, gli altri fanno molta fatica con i piedi (Matuidi e Emre Can su tutti) oppure sono lentissimi (Khedira) o non si sono ancora ambientati (Rabiot e Ramsey). La realtà pratica è che nel centro del campo se mancano Pjanic e Bentancur non siamo all’altezza. Milinkovic-Savic è un centrocampista completo e si è visto. Pogba lo era. Questi sono gli uomini che servono alla Juve in mezzo. Obbietteranno i soliti nostalgici di Allegri che gli anni scorsi come favevano? Semplice, difendevano in dieci. Non c’era la volontà di fare gioco, ma di aspettare l’episodio. Se il tifoso juventino vuole questo allora basta richiamare Allegri o allenatori come Trapattoni e Capello. Io la penso differentemente. Io penso che se anche si dovesse lasciare un campionato ad un’altra squadra, amen. Anche fosse l’Inter di Conte: il cambio di mentalità è molto più importante. 

Altro problema è la difesa: Bonucci non è un difensore puro, De Ligt fa tanti, troppi errori clamorosi (ieri un altro) e Cuadrado e Sandro non hanno nella fase difensiva la loro arma naturale. Chiellini manca e si sente tanto. Troppo.

Ronaldo ieri un pochino meglio, ma sempre fermo. E Sarri pare abbia avuto ordine di non toglierlo più. Altrimenti perché con la Juve in 10 senza Cuadrado espulso non toglie Ronaldo e invece toglie Dybala migliore in campo da mesi? Strana scelta no? 

E veniamo alle colpe che possono essere attribuite a Sarri. La squadra talvolta sembra con poca concentrazione e pochi attributi. Quelli che invece alla Juventus non sono mai mancati in passato. Come vanno le cose nello spogliatoio? Chissà. Quel che mi preme ricordare è che Sarri non è che un interprete di una mentalità nuova sulla quale ha scommesso Andrea Agnelli. La mentalità dei pittori fiamminghi e non dei piemotesi tosti. Bisogna insistere anche se questo potrà significare immolare un campionato sulla via del gioco di attacco. 

Capitolo Paratici. Gli acquisti di quest’anno sono stati un flop fino ad oggi. Ramsey un oggetto misterioso, De Ligt costato 85 milioni un ragazzotto distratto. Per non parlare di Rabiot, Demiral e Danilo. Speriamo si ambientino ed esplodano ma per ora solo De Ligt ha fatto intravedere qualcosa di buono. 

Ultimo problema Bernardeschi. Forse è la posizione non sua, ma quale sia non so, ma sembra davvero spaesato. Sbaglia quasi tutte le scelte. 40 milioni sprecati? Vedremo. Ma se non esplode quest’anno non esplode più. 

Dybala grande nota positiva assieme a Higuain. Ma una volta ceduto Mandzukic bisogna comprare uno lì avanti. E pensare che Dybala era da vendere questa estate…