La stella di Conte non va tolta, è già eclissata

di Leonardo Menduni |

ECLISSI: Oscuramento totale o parziale di un astro.

Forse il miglior modo di definire il rapporto tra Conte e la Juventus si trova cercando la definizione di eclissi sulla sempre affidabilissima Treccani. Conte e la Juventus sono diventati alternativi come il giorno e la notte. La Stella di Conte c’è stata e ci sarà sulla pavimentazione dello Stadium: ma quella stella si è definitivamente eclissata, nascosta.

Roberto Pavanello, firma storica del quotidiano torinese “La Stampa” si è soffermato sul rapporto Juve-Conte nel programma Casa Juventibus, sul canale JB Live twitch e sul dibattito vivace che si è scatenato anche all’interno della tifoseria bianconera, col pensiero che subito alla famosa “stella” allo Stadium.

“La storia non si cancella, così come non si buttano giù le statue”, ha dichiarato Pavanello, “togliere quella stella sarebbe ridicolo; ci faremmo ridere dietro da tutto il Mondo”.

Il tema divide i tifosi con una eclissi della stella Conte già scalfita dall’addio repentino e dalla fuga in Nazionale, col doppio tradimento del matrimonio con l’Inter -rivale di questi decenni fuori dal campo e rivale sul campo ora col suo arrivo- fino all’eclissi totale giunta durante Juve-Inter, con quel gestaccio verso gli spalti, verso la Presidenza, verso la Juventus, insomma.

La Juve non toglierà mai la stella al suo ex-capitano di un’era gloriosa e al suo allenatore-artefice della rinascita, quella è Storia, a prescindere dal presente e del futuro.

La riflessione da fare è molto meno divisiva. Al netto delle posizioni di ognuno sul tema, è tramontato l’idillio tra Conte e tutti (stavolta davvero tutti) i tifosi bianconeri. In anni di “spaccature”, quella su Allegri, quella su Sarri o su Paratici, fino a qualche estate fa le “vedove” contiane erano ancora molte, soprattutto l’estate in cui Antonio poteva essere vicino al ritorno, almeno per alcune speculazioni giornalistiche.

Ora invece la stella Conte è davvero eclissata, sullo sfondo di un rapporto non più logoro ma davvero esplosivo tra Agnelli e il mister nerazzurro, quasi due ex-fidanzati ora nemici giurati, sul campo e fuori.

Il passaggio di Conte all’Inter ha segnato l’inizio dell’eclissi, completata definitivamente ora in modo inevitabile: proprio lì, a pochi passi da dove quella stella è stata incastonata e dove tutto era cominciato. All’Allianz Stadium come l’ha chiamato lui, non più “Juventus Stadium”, il nostro stadio, la nostra casa.

Dove le stelle sono rimaste e rimarranno tutte, ma una si è eclissata per sempre.