La combo Danilo-Cuadrado, soluzione momentanea o svolta tattica?

di Roberto Nizzotti |

Nella bella vittoria ottenuta dalla Juventus vs il Napoli uno degli aspetti più interessanti è stato lo schieramento di Cuadrado non più come terzino di spinta ma come esterno di centrocampo, con alle spalle un terzino di ruolo come Danilo.

La forza del Napoli sul suo out di sinistra, zona nella quale agisce Lorenzo Insigne in collaborazione con un terzino abile nel portare continue sovrapposizioni come Hysaj, può aver indotto Pirlo ad attuare questa mossa tattica che ha consentito alla Juventus di trovare, nella sua fascia di destra,  un ottimo equilibrio in tutte e tre le fasi (difensiva, offensiva e di palleggio), con il colombiano più libero di spingere con una certa costanza, coperto adeguatamente dal brasiliano, ottimo nel leggere le situazioni e posizionarsi sempre bene a copertura degli spazi.

 

 

Heatmap di Cuadrado vs il Napoli (Whoscored)

 

Heatmap di Danilo vs il Napoli (Whoscored)

 

Nelle gare precedenti, con Cuadrado nel ruolo iniziale di terzino alle spalle di Kulusevski, le dinamiche esterne erano meno fluide, con il colombiano e lo svedese che spesso si trovavano ad occupare le medesime zone con conseguente poca collaborazione (sovrapposizioni e movimenti ad attirare avversari e liberare spazi), cosa che invece non è accaduta tra Cuadrado e Danilo che sono riusciti a dialogare molto bene, sia tecnicamente che tatticamente, muovendosi con intelligenza e ottimi tempi di gioco, creando difficoltà alla fase difensiva del Napoli.

 

Heatmap di Cuadrado vs il Torino (Whoscored)

 

Heatmap di Kulusevski vs il Torino

 

La sovrapposizione di Danilo che consente a Cuadrado di crossare nella prima grande occasione della gara vs il Napoli

 

A livello statistico Cuadrado è tra i migliori della Juventus per numero di dribbling a partita (1.4) e per passaggi chiave (1.6), elementi tecnici importanti nell’ultima parte della giocata, necessari per scardinare le molte difese compatte che la Juve si trova ad affrontare.

 

Stats dei dribbling che vede Cuadrado tra i primi così come nella voce dei key pass (Whoscored)

 

Oltre all’aspetto offensivo è cruciale l’equilibrio nella fase di non possesso che assicura la coppia Danilo-Cuadrado, con il brasiliano che assicura 2.3 intercetti a gara e il colombiano 1.5, un tot di 3.8 intercetti di media a gara ai quali vanno aggiunti una media di 3.4 contrasti vinti a gara (1.7 a testa), numeri che non possono essere raggiunti con l’abbinata Cuadrado – Kulusevski più che altro per caratteristiche che lo svedese, ad oggi, non ha ancora sviluppato nella fase di non possesso.

Stats degli intercetti medi a gara dei giocatori Juve (Whoscored). Cuadrado e Danilo primeggiano mentre Kulusevski, per restare sulla fascia destra, è ultimo, mostrando come debba migliorare nella fase di non possesso.

 

Non ultimo avere in abbinata due elementi che nella fase di costruzione della manovra possono dare un fondamentale aiuto per superare la pressione avversaria sulla prima fase di palleggio (Danilo 89% di precisione nei tocchi e Cuadrado 88%) risulta, per il tipo di calcio che Pirlo vuol far giocare alla Juve, di grandissima importanza.

 

La ststs della percentuale di passaggi riusciti da parte dei giocatori Juve con Danilo e Cuadrado che risultano essere tra i migliori.

 

Non è detto che si rivedrà con costanza l’abbinata Danilo-Cuadrado, molto dipenderà anche dall’avversario che si andrà ad affrontare, ma di certo c’è che questa combo, ad oggi, risulta una delle migliori della Juventus, un’arma importante da sfruttare bene.

Oppure quanto visto ieri potrebbe rappresentare una svolta importante a livello tattico, sia per questo ultimo scorcio di stagione che per la pianificazione della prossima, portando a ragionamenti importanti in merito al ruolo di certi elementi e al mercato.