Il campionato della Juventus 2019-2020 in cifre

di Giacomo Scutiero |

Questo aggregatore di statistiche bianconere tratte dall’anomala stagione di Serie A non può prescindere dal campionato vinto, il nono consecutivo, e dalla seconda annata in bianconero del miglior calciatore della Terra.

Cristiano Ronaldo vince la classifica marcatori interna con quasi il triplo delle reti del secondo in graduatoria: CR7-31, Paulo Dybala-11.
La Serie A 2019-20 sarà ricordata soprattutto per il virus che l’ha spezzata ed anche per il record di calci di rigore assegnati (abbiamo toccato i 5 ogni giornata, dato fuori da questo sport): Cristiano ha realizzato 12 penalty, quasi il 38% delle sue segnature totali; il portoghese ha fallito (2° errore stagionale) dagli undici metri nell’ultimo match contro la Sampdoria, altrimenti avrebbe registrato la cifra tonda di 32 gol in 32 presenze.

Quindici calciatori della Juventus con almeno una rete in Serie A.
C.RONALDO: 31 gol— 0.94 gol/90— 94 gol/min
DYBALA: 11 gol— 0.33 gol/90— 197 gol/min
HIGUAIN: 8 gol— 0.23 gol/90— 233 gol/min
DE LIGT: 4 gol— 0.10 gol/90— 816 gol/min
Curiosità poco lusinghiera. Il quinto “bomber” è oggettivamente il peggior elemento della stagione, ovvero Aaron Ramsey: 3 gol— 0.13 gol/90— 337 gol/min.

Nella prima stagione, Ronaldo celebrò anche i record degli assist e dei minuti giocati: così tante reti e dunque così tanti assist ricevuti non gli permettono in questa stagione di primeggiare nelle assistenze; inoltre, qualche sostituzione pre COVID ed alcuni riposi concordati non gli fanno vincere la conta delle presenze.
DYBALA: 11 assist
BENTANCUR-PJANIC: 8
C.RONALDO-CUADRADO: 6

BONUCCI: 33 presenze— 3085 minuti— 88.1 min/90
C.RONALDO: 32 presenze— 2829 minuti— 88.4 min/90
CUADRADO: 33 presenze— 2651 minuti— 80.3 min/90
SZCZESNY: 29 presenze— 2592 minuti— 89.3 min/90
DE LIGT: 29 presenze— 2449 minuti— 84.4 min/90

Tristemente comprensibile la statistica che riguarda il capitano, Giorgio Chiellini: 4 presenze ed appena 201 minuti giocati con l’asterisco del legamento crociato nuovo, addirittura meno presente del prima fuori rosa e poi ceduto Emre Can (8 presenze; 279 minuti).

Andiamo più in profondità nelle statistiche di campo, relativamente a chi è sceso in campo almeno per un quarto del campionato. Due podi per uno dei migliori interpreti della stagione, Juan Cuadrado: Precisione Passaggi e Contrasti Vinti.
PJANIC: precisione al 57.9
CUADRADO: 54.2
BONUCCI: 53.3

CUADRADO: 2.1 contrasti vinti/90
BENTANCUR: 2.0
PJANIC: 1.6

L’alta qualità della linea d’attacco bianconero è testimoniata dalle cifre non comuni dei dribbling a partita, classifica cui torna a comparire CR7 e dove non possono non comandare i veri funamboli della formazione.
DYBALA: 2.0 dribbling/90
D.COSTA: 1.9
C.RONALDO: 1.6

 

Infine, uno dei lemmi più cari al mister per applicare i princìpi tattici: il recupero palla, specie se alti ovvero nella metà campo degli avversari.
ALEX SANDRO: 1.6/90
DANILO: 1.2
RABIOT: 1.1

Un altro indubbio caposaldo della stagione è stato Rodrigo Bentancur. Tra quello che può essere migliorato dal sudamericano, c’è la tendenza a ricevere non poche sanzioni disciplinari.
BONUCCI: 10 ammonizioni— 0.3 cartellino/90
BENTANCUR-PJANIC: 9 ammonizioni— 0.3 cartellino/90
CUADRADO: 7 ammonizioni— 1 espulsione— 0.25 cartellino/90
In totale, 86 cartellini ricevuti che fanno 2.26 ogni partita.

Infine, ma non poco importante, la prima Juventus di Sarri ha rubricato alcuni importanti record negativi:
— 7 sconfitte: accadde anche nel ’95, primo scudetto di Lippi
— 43 gol concessi: non è record, perché nel ’58 la Juve trionfò con 44 gol subìti (Serie A a 18 squadre)
— 21 punti persi da situazione di vantaggio: record dell’intera storia della Serie A a girone unico

 

(Alcune statistiche stagionali sono aggiornate al 26/07/2020, Juventus-Sampdoria)