Juve, che batosta dal Chelsea: i bianconeri crollano a Londra

di Mauro Bortone |

Morata

Lezione del Chelsea di Tuchel alla Juve di Allegri: i blues si riprendono con gli interessi i punti dell’andata, vincendo nettamente la sfida tra le mura amiche di Stamford Bridge. I bianconeri reggono un tempo, ma nel primo quarto d’ora della ripresa si sciolgono sotto i colpi dei campioni d’Europa.

Il Chelsea si schiera col 3-4-3 composto da Mendy; Chalobah, Silva, Rudiger; James, Kanté, Jorginho, Chilwell; Ziyech, Pulisic, Hudson-Odoi; la Juventus replica col 4-4-2 e Szczesny; Cuadrado, Bonucci, de Ligt, Alex Sandro; McKennie, Bentancur, Locatelli, Rabiot; Chiesa, Morata.

Al 2’ subito forte il Chelsea con la percussione di Kanté che entra in area e crossa in mezzo, dove la difesa bianconera libera in corner con una certa fatica. Al 9’ Chalobah di testa su corner di Chilwell colpisce male. Grande pressione dei padroni di casa, senza particolari rischi, e Juve finora spettatrice. I bianconeri iniziano a mettere la testa fuori con un paio di azioni manovrate che alleggeriscono la pressione dei Blues. Al 15’ Hudson Odoi mette in mezzo all’area un pallone forte e teso, su cui si avventa De Ligt, evitando il peggio.

Al 23’ ammonito Cuadrado per fallo su Hudson Odoi. Da calcio di punizione bel tiro di James respinto da Szczesny.  Al 25’ Chelsea in vantaggio sugli sviluppi di corner: Rudiger rimette in mezzo per Chalobah che batte forte nell’area piccola e batte Szczesny. Proteste bianconere per un tocco di mano di Rudiger nell’azione. Al 28’ gran palla di Locatelli per Morata che anticipa l’uscita di Mendy: ma quando la palla sta varcando la linea, strepitoso intervento di Thiago Silva, che salva la propria porta. Al 32’ Rabiot si fa portare via una palla sanguinosa da Kanté, ma riesce a recuperare e a proteggere l’intervento del proprio portiere.

Al 37’ gran tiro di James in diagonale: grandiosa risposta di Szczesny. Esce Kanté a sorpresa per Loftus Cheek. Dall’angolo, Rudiger colpisce ma mette fuori. Al 43’ Hudson Odoi anticipato in corner da Bonucci mentre l’esterno stava per calciare a due metri dalla porta bianconera. Al 47’ Chiesa lavora un pallone per Bentancur che dal limite tira alto. Finisce il primo tempo.

Si riparte senza cambi. Al 49’ Hudson Odoi lanciato verso la porta viene chiuso da De Ligt. Al 53’ palla sanguinosa persa da Bentancur con Ziyech che allarga per Odoi, di nuovo stoppato dalla difesa bianconera. Al 55’ raddoppio di James, che addomestica in area e incrocia battendo Szczesny. Al 58’ arriva il 3 a 0 con un’azione manovrata del Chelsea, che porta Loftus-Cheek dentro l’area piccola: palla a Odoi che questa volta fa centro.

Allegri toglie Bentancur, a tratti inguardabile, per Dybala e prova a dare la scossa. Al 67’ fuori Locatelli per Arthur e Morata per Kean. Fuori anche Chilwell, infortunato, nel Chelsea, ed entra Azpilicueta. Dentro anche Werner per Pulisic. Al 76’ fuori Hudson Odoi per Mount e Jorginho per Saul. All’80’ nella Juve esce Cuadrado ed entra de Winter e Chiesa per Kulusevski. All’83’ sugli sviluppi di calcio d’angolo, indecisione di Mendy che porta al tiro in controbalzo di McKennie, che sfiora la rete della bandiera.

All’87’ Werner su un’ingenuità di Arthur serve Ziyech in area e costringe Szczesny a un altro importante intervento. Nel recupero, segna pure Werner che firma il poker: risultato umiliante per i bianconeri.