Che Juve-Milan sarà?

di Leonardo Dorini |

C’è Juve-Milan… Cosa riserverà questa partita che da due stagioni ha un pathos particolare, seppure slegato dalla classifica?

Tutto nasce nell’estate 2017: dopo lo sgabello, dopo Cardiff, Bonucci percorre la A4 per farsi accogliere a Milano dai fuochi artificiali; è l’estate degli equilibri che si spostano e della “mia ex squadra”, sembra un secolo fa.

Quella stagione andammo a San Siro, con Bonucci in tribuna causa squalifica, e passeggiammo su una squadra in crisi: il Pipita Higuain li castigò con una doppietta, e alla fine non eravamo nemmeno sudati, dissero gli osservatori; poi, la primavera successiva, provai a fare un appello ai tifosi, totalmente inascoltato: non fischiate Bonucci allo Stadium! Viene fischiato, Leo, ma segna, saltando fra Bonucci e Chiellini: la BBC riunita, ma a colori mischiati, sembrava un quadro di Gericault.

Acqua passata: la A4 Leo Bonucci l’ha ripercorsa verso Torino, incrociandovi il Pipita Higuain, arrivato a Milanello con sguardo un po’ dimesso, ma mai triste come noi tifosi, che lo abbiamo amato e lo continuiamo ad amare tuttora.

All’andata, a San Siro, il racconto romanzesco del calcio ci ha proposto altre scene incredibili: il Pipa in rossonero vuole riscattarsi, ruba il pallone a Kessie e vuole tirare lui il rigore per il mano di Benatia. Ma no, Pipa, che fai, non farlo!, mi sono detto in quel momento….esulterà? non esulterà? Tek la para e, nello stadio in cui in bianconero aveva fatto uno dei gol più decisivi della nostra storia, Higuain ora mostra uno sguardo tetro, occhi spiritati e persi nel vuoto. La partita si mette male, e poi lui viene ammonito, impazzisce e viene espulso, uscendo con un bacio in fronte di papà Blaise Matuidi che era anche il bacio di tutti noi, che lo vorremmo figliol prodigo.

Cosa riserverà Juve-Milan sabato 6 aprile? Quali le motivazioni del pre-Ajax, a +18 in campionato? Bonucci è tornato, il Pipita ora è in riva al Tamigi a lottare in questa stagione da dimenticare, il Milan soffre, la Juve ha altri stimoli. Ma le maglie rossonere contro le maglie bianconere generano sempre qualcosa di poco banale.