Casa Juventibus, tutto quello che non sai della Juve del futuro

di Juventibus |

Tornano a Casa Juventibus Luca Momblano e Romeo Agresti, con la new entry Nicola De Bonis, giornalista e voce di Radio Bianconera; insieme a loro, ovviamente, i soliti 3 Zampini, Somma e Mecca. Di cosa si è parlato?
Beh, è facile: il mercato del futuro.

Iniziamo dalla certezza, che si chiama Sandro Tonali. Si intenda certezza di esserci in prima linea e compatti, nonostante la concorrenza spietata, soprattutto italiana.  È indubbiamente il centrocampo il reparto su cui la Juve sta facendo le sue attente valutazioni: si esclude il nome di Van De Beek e si include, come obiettivo reale, quello di Pogba, su cui sarà difficile trovare la chiave per sbloccare la trattativa.

Il discorso si fa ampio e interessante quando si parla di attacco e del centravanti del futuro. Meglio un 9 alla Trezeguet o un centravanti mobile, che sappia far girare bene la squadra e al contempo segnare? Per Sarri i dubbi nemmeno si pongono, per gli ospiti e tifosi, se si parla di rimpianto Lukaku citando inevitabilmente Paulo Dybala, nemmeno. E Higuain? E le cessioni dell’idolo Mandzukic e del giovane talento Kean?

Centrocampo, attacco, passando dalla difesa. La necessità di puntare su un terzino destro di un certo livello e quella di tenere Sandro più Pellegrini sulla sinistra. I centrali, quelli giovani e promettenti, si possono toccare per arrivare a determinati obiettivi?
Poi, come un lampo, arriva un nome che non ti aspetti e che scoprirai solo guardando la puntata di oggi.

Non perdetevi il quarto finale di UCL JUVE-CITY questa sera sul canale YouTube e, successivamente, il late show Juventibus, perché Juventibus non ti lascia mai solo!
Noi torniamo domani alla solita ora: arriva a Casa Juventibus un’altra icona del glorioso passato juventino, arriva a Casa Juventibus Antonio Cabrini.
Basta questo nome o devo dirvi non mancate?