Cancelo e gli altri che sfideranno l’Ajax

di Sabino Palermo |

Mi riprendo un attimo: ho visto in campo Cuadrado dopo quattro mesi, gli sconosciuti Gozzi e Nicolussi Caviglia, l’eterno primavera Kastanos e anche Dybala (ah, no..lui non l’ho visto). Soprattutto non ho festeggiato l’ottavo scudetto consecutivo in anticipo, un po’ mi dispiace sinceramente. Ma è una nostalgia di vittoria momentanea, di quelle che passano in fretta, perché la mia testa è già allo Stadium e all’Ajax dei “ragazzi terribili”. E così credo anche quella di Allegri…
Il mister ha le idee ben chiare, anche più di noi che giochiamo ad indovinare le sue formazioni, poiché dispone dei bianconeri tutti i giorni, integri e non. Questo è il punto di partenza della mia analisi: da chi non è sceso in campo a Ferrara (o dai minutaggi delle riserve) quale sarà la squadra che affronterà mercoledì i Quarti di Finale di Champions?
Szczesny
Emre Can Bonucci Rugani
Cancelo Pjanic Matuidi Alex Sandro
Ronaldo Mandzukic Bernardeschi
Tra questi nomi spicca unicamente quello del laterale portoghese, oggi titolare nella partita con la SPAL (e autore di un mezzo assist per Kean) e anche nell’andata ad Amsterdam contro i lancieri. Dal suo ruolo in campo passa molto della formazione di Allegri: ho scelto di metterlo nell’11 titolare perché l’unico adatto a giocare in quel ruolo rendendosi pericoloso in avanti. Dall’altra parte, però, per il ragionamento opposto (visti i 90’ minuti a Ferrara e la prestazione così così), scelgo l’Alex Sandro positivo di Amsterdam rispetto a Spinazzola: più coperto a sinistra, o magari speranzoso che il brasiliano possa aumentare le marce.
Gli altri 10 giocatori sono rimasti a guardare: chi in panchina, chi in tribuna e chi direttamente a casa. La SPAL l’hanno soltanto intravista, seduti comodi, senza dover assaggiare il rettangolo di gioco. E di questo ne beneficeranno tutti: Ronaldo, Pjanic ed Emre Can in particolare. Uno per ruolo, decisivi nelle zone di competenza, e che secondo me saranno titolari inamovibili mercoledì sera allo Stadium. Assenza pesante, invece, mi sembra quella di capitan Chiellini e l’ho dedotto dalla partita di oggi: i 90’ di Bentancur, sia ad Amsterdam sia oggi a Ferrara, significano preservare fresco il tedesco per una battaglia di Champions insieme a Pjanic e Matuidi (o Bonucci e Rugani se arretrasse in difesa). Invece il Chiello, ahimè, vedrà tutto questo dalla panchina.
Ultima postilla: il partner di Ronaldo sarà ancora Mandzukic? Ho due teorie a riguardo, oltre ad essere il mio unico dubbio per mercoledì, che sono opposte. Da una parte credo che Allegri rilancerà il croato insieme a Cristiano, perché ritiene Mario l’unico in grado di creare spazi per gli inserimenti di CR7 (usando Kean come cambio in attacco). Dall’altra potrebbe definitivamente bocciare Mandzukic, lanciando il giovane Moise in Champions accanto a Ronaldo sin dal primo minuto: ma Allegri, dopo aver fatto capire che Dybala e Douglas Costa sono due riserve, rischierebbe di “mettere in soffitta” anche l’ex Bayern?