Buon 2021 e… tutti su questo carro!

di Luca Momblano |

Diventa ogni anno più difficile descrivere cosa sia Juventibus. Perché più siamo, più cose facciamo, più ci mettiamo (e soprattutto ci mettete) alla prova. Inutile tornare sulle incredibili vicissitudini del 2020, ma almeno per una volta ci risparmiamo gli “io lo sapevo” e “io l’avevo detto”. Un nuovo cambio di allenatore, una nuova Champions andata a testa all’aria, ma anche un nuovo scudetto tra i tasti START, STOP, REPEAT, RANDOM di questi pazzi dodici mesi.
Pertanto concedetemi di tornare a noi – che non abbiamo pretesa di rappresentarvi tutti – ma che siamo appassionati del vivere in bianconero e siamo tutti sullo stesso carro anche se non ci assomigliamo l’uno con l’altro. Lo studente, l’impiegato, l’avvocato, il e la giornalista, il dottore, il tecnico, il rappresentante dello stato e il rappresentante e basta, il letterato e il laureato, il disoccupato per scelta o per necessità. Siamo tutti noi, quelli di Juventibus.com, delle pagine dei social (manca davvero soltanto un bel social media manager per Instagram e siamo quasi al completo), del canale YouTube e delle dirette Twitch che tanto ci hanno inorgogliti dal lockdown in avanti. Ecco, siamo noi, tutti sullo stesso carro anche se ci ammazzeremmo per la nostra idea su quell’allenatore o questo giocatore. Anzi, tutti sullo stesso bus, senza limiti di posto per tutti coloro che sono venuti a trovarci sulle nostre piattaforme anche soltanto una volta nel corso dell’anno. E tutti coloro che verranno ancora a trovarci, tutti sul carro, quand’anche la nostra Juventus non ne dovesse uscire vincitrice. Perché siamo certi comunque che ci proverà ancora, ovunque, e che proveremo a essere degni di continuare a raccontare questo romanzo lungo 45.000 giorni.
Personalmente, sono sempre in imbarazzo a fare nomi e cognomi, perché anche fare una lista vuol dire dare un ordine che questa pazza realtà non ama darsi. Faccio un’eccezione per il compagno di viaggio Massimo Zampini, miglior confidente e miglior coprotagonista di questa avventura, e Sandro Scarpa, per lo spirito e la presenza anche quando non si può. Perché tutto questo è fatto nei nostri ritagli – anche se puntiamo a rendere la proposta ancora più omogenea – così come ritagli sono anche tutti i tempi e gli spazi che voi da lettori o spettatori ci dedicate.
Credo di poter parlare davvero a nome di tutti gli autori, di tutta la community: grazie Juventus, grazie volontari di Juventibus e grazie anche e soprattutto ai tantissimi ospiti terzi che partecipano alle nostre “pazze” ma appassionate attività. Il 2021 è dietro l’angolo, anzi è già iniziato: abbiamo soltanto voglia di tornare in campo, e poi un giorno di tornare sugli spalti, perché questo è il nostro pane. E perdonateci se, ancora una volta, un po’ come juventini e un po’ come testimoni di questo mondo JB, ci sentiamo diversi. Voi no?

Auguri!