Bonato (DS Sassuolo): “Per Berardi dipenderà dalla Juventus”

di Davide Terruzzi |

“C’è questa clausola non scritta ma morale, ma considerando i rapporti tra le società è come se fosse scritta, credo tutto dipenderà dalla volontà della Juventus di prenderlo o lasciarlo andare. Credo, perché le cose sono già state definite, che il passaggio sia poi questo”.

Queste sono le parole dell’ex direttore sportivo del Sassuolo, Nereo Bonato, con le quali ha voluto affrontare il capitolo Berardi. Il giocatore è stato interamente riscattato dalla società emiliana lo scorso giugno per 10 milioni di giugno. Si è molto vociferato dell’esistenza di un diritto di riacquisto già fissato a favore della Juventus – si è detto di un acquisto nella sessione estiva 2016 per 18 milioni -, ma come ha confermato Bonato tale clausola ufficialmente non esiste: è un accordo tra le due parti, da tempo in ottimi rapporti. Quindi, la decisione finale su un arrivo a Torino dell’esterno neroverde dipenderà dalle valutazioni finali della Juventus ma la strada che porta al bianconero è già stata fissata.

Berardi, nato il primo agosto del 1994, ha finora raccolto 71 presenze in Serie A condite da 33 reti e 19 assist; nell’unica stagione in B ha collezionato 37 partite con 11 reti e 6 assist. Nella massima divisione ha però già sommato tre espulsioni dirette e ventisette ammonizioni diventando il calciatore più sanzionato negli ultimi tre anni; record che aumenta con lo score in cadetteria (1 espulsione, 5 ammonizioni). In totale ha dovuto saltare 20 giornate (2 ancora da scontare) per varie squalifiche. In carriera ha battuto 14 calci di rigore realizzandone 13.

Fonte: Calciomercato.com