Il blob di AJG – Divieto di Sosta

di Juventibus |

Di Average Juventino Guy – @AJG_Official 

 

Nella complessa e oscura mente del maschio alpha juventino echeggiano pochi rituali fondamentali che, però, devono essere rispettati. Uno su tutti è indubbiamente il weekend calcistico.

Non importa che la settimana sia andata di merda, che il tuo capo ti ha licenziato o che hai preso l’ennesimo 3 in Matematica:  il weekend lo si deve trascorrere buttati sul divano a vedere la tua squadra del cuore e, se rimane tempo, a gufare le sue rivali.

Come credete che il nostro amico  l’abbia presa quando, sedendosi sul divano,  si è trovato davanti niente poco di meno che LiechtensteinItalia? In quel momento, Lui ha realizzato che era tornato il suo peggior nemico: la PAUSA NAZIONALI.
whatsapp-image-2016-11-14-at-22-44-33

 

 

Se la pausa nazionale ha tolto la possibilità alla squadra di giocare, Max Allegri non si perde d’animo e sfrutta l’occasione per definire meglio le tattiche difensive in vista della prossima partita:

 

Nel frattempo Dybala, rimasto a Vinovo per recuperare dall’infortunio, passa le sue serate sul divano a giocare a Fifa. Dopo avere creato comicità l’utilizzo della demo, da vero poveraccio, sembra che finalmente sia riuscito a permettersi il gioco completo:

whatsapp-image-2016-11-14-at-22-43-30

 

 

Oltre alla passione per i videogiochi Paulino si diletta nell’arte della fotografia. Tra i suoi soggetti preferiti sicuramente i muri, non poteva farsi mancare il più famoso di Torino:

whatsapp-image-2016-11-14-at-22-43-33

 

 

Dybala e Barzagli compagni di infortunio anche fuori dal campo di allenamento, con l’Argentino che fa da autista all’italiano. Il numero 21 inoltre si prende anche i “complimenti” dal muro bianconero:

 

Artista per caso anche il nostro Mario Lemina. Macchina che sprizza umiltà da tutti i pori, parcheggio millimetrico in zona pedonale: il re della sosta.

whatsapp-image-2016-11-14-at-22-43-36

 

Dopo il fotografo e il parcheggiatore estroso, la settimana non poteva chiudersi se non con un bel coro tutto azzurro. Da Liechtenstein, a cappella, la nazionale italiana si esibisce nell’Inno di Mameli: