Juve, bilancio 18/19 approvato: via a un nuovo piano di sviluppo

di Leonardo Dorini |

Il Consiglio di Amministrazione della Juventus ha approvato poco fa il bilancio dell’esercizio chiuso al 30/6/2019, il primo dopo l’acquisto di Cristiano Ronaldo.

In sintesi questi sono i principali dati diffusi dalla Società, in gran parte attesi:

Il fatturato si è attestato sui 621,5 milioni di Euro, in crescita del 23% dai 504 dello scorso esercizio:  i dati di tutte le linee di ricavi da sponsorizzazioni e marchandising sono in forte crescita. 157 milioni il dato di “gestione giocatori”:

In crescita anche i costi, dovuti come noto alla rosa ampia ed al monte ingaggi: il totale dei costi operativi ammonta a 458 milioni, in crescita da 383 milioni; gli ammortamenti passano da 122 a 178 milioni; ecco perché il Club della Continassa presenta una perdita (dopo aver spesato anche interessi passivi) di 39,9 milioni, come era stato reso noto anche recentemente dopo la pubblicazione della semestrale di Exor (da notare che la Società e gli analisti avevano diffuso in precedenza una previsione di perdita di 50 milioni).

Anche il dato dell’indebitamento, in aumento a 463 milioni, era atteso: l’analisi del dato mostra come esso sia concentrato in gran parte sul prestito obbligazionario in scadenza al 2024 per 173 milioni e debiti verso Società di factoring per 179 milioni (dovuti al probabile smobilizzo di crediti verso sponsor): si tratta quindi di un debito elevato, ma in gran parte autoliquidante (factor) e comunque a lunga scadenza (bond).

Il comunicato del Club però oltre ad approvare il bilancio guarda al futuro e ci informa che il Consiglio di Amministrazione ha approvato un ambizioso piano di ulteriore sviluppo, basato sul “mantenimento della competitività sportiva” e sull’ulteriore incremento dei ricavi; questo piano sarà sostenuto da un aumento di capitale da 300 milioni che andrà a rafforzare la struttura patrimoniale del Club; la quota Exor (pari a circa il 64%, ossia all’incirca 200 milioni), con un contratto di pre-underwriting ,è già garantita dal da Exor per il tramite del consorzio delle banche collocatrici.

Come spesso abbiamo scritto in questo spazio, l’acquisto di CR7 è stato non un punto di arrivo, ma solo l’inizio di un ulteriore progetto di sviluppo: ed Exor fa sul serio, e non fa mancare il suo appoggio.


JUVENTIBUS LIVE